Galati (FI): “Istituire un tavolo nazionale di crisi sulla vicenda Infocontact”

infocontact_-_vertenza_400

Da fonti accreditate si apprende, in riferimento alla commessa in scadenza a fine mese, che Wind avrebbe rimesso a bando le proprie attività in tutta Italia, invitando diverse aziende a partecipare, non formalizzando lo stesso invito alla società Infocontact. Questa notizia ha naturalmente destato forte apprensione tra tutti i lavoratori a causa del forte rischio che ne deriverebbe sulla prosecuzione delle attività della società”.
Nell’interrogazione l’On. Galati chiede “quali iniziative urgenti il Ministero dello sviluppo economico ritiene di poter adottare sia al fine di scongiurare il rischio di collocazione in mobilità di circa 300 collaboratori coinvolti nella vicenda che allo scopo di promuovere una gestione commissariale orientata all’effettivo riequilibrio delle attività economiche e scongiurare il rischio di una sua conversione in procedura fallimentare”.
“Ritengo fondamentale
– conclude l’Onorevole Galati – un intervento del Governo, sia per la tutela delle famiglie interessate che per gli impatti destabilizzanti che la vicenda potrebbe riversare sulla già critica situazione occupazionale calabrese”.