Gianfranco Turino: contestazione all’ufficio Provinciale del Lavoro in merito al lincenziamento di due dipendente SACAL

gianfranco_turino

Esiste, di conseguenza, la certezza e  l’evidenza di un comportamento inqualificabile, dimostrabile attraverso  i documenti in nostro possesso. Le stranezze, egregi signori, non sono finite, ribadisco un dato; i lavoratori erano cinque, di cui tre in attesa e due già massacrati dalle  vostre irregolarità umane che hanno bruciato  il sociale togliendo a due persone la possibilità di dibattere apertamente la loro storia. Gli altri tre li avete sezionati psicologicamente in una convocazione in cui, da quanto mi si dice, avete svolto la parte di un tentacolo aziendale. Come mai? Probabilmente, secondo il vostro metro di giudizio, per loro la strada era chiusa quindi inutile perdere tempo in discussioni, vero egregi signori? Personalmente accuso e censuro  il vostro sistema d’azione che cancella quanto è stato fatto di buono, in precedenza, dai vostri uffici.
Vi invito, ancora una volta, all’onestà di assumere la responsabilità dei danni causati ai lavoratori,in quanto, il vostro inspiegabile comportamento  ha negato ai soggetti il diritto a difendersi in sede di conciliazione. Smettetela di giocare con il futuro degli altri, il silenzio è solo un arrampicare sugli specchi cercando l’appiglio per una giustificazione, impossibile e inesistente, mentre la coscienza, forse, vi condanna per il vostro comportamento. Il tacere nel tentare di ricrearvi un verginità immacolata è solo una pia illusione,l’errore è mastodontico ed è stato consumato volontariamente  senza che, da parte vostra, ci sia  la ben minima volontà di  porre un rimedio effettivo ed efficiente.
Gianfranco Turino
Progetto Itaca Calabria – Calabria Sociale – Futuro Calabria