Giovanni Lentini interviene a Savelli nel convegno organizzato dal sindaco Spina

“Dobbiamo portare al centro delle scelte politiche della provincia di Crotone l’industria della cultura e del turismo”. Con queste parole Giovanni Lentini, assessore provinciale al Turismo, ha iniziato il suo intervento a Savelli nel corso del convegno organizzato dal sindaco Spina in occasione della “Sagra della Castagna” giunta alla 28^ edizione. “Anche se in una fase di crisi straordinariamente drammatica come quella che stiamo vivendo, da solo, e non è inutile ribadirlo, l’intervento pubblico non basta e l’unica strada per concorrere al rilancio, vero e non a chiacchiere della nostra economia, è costruire una forte e, per alcuni versi, nuova sinergia tra pubblico e privato. Occorre farlo –ha proseguito Lentini- puntando al massimo coinvolgimento dei privati, perché le risorse pubbliche non bastano più, e perché le imprese sono le uniche che possono individuare quelle azioni in grado di avere effettiva ricaduta economica, vitali per l’intero territorio provinciale”. Il problema, secondo l’assessore, non è però solo la scarsezza di risorse, che è un dato di fatto, incontrovertibile ed incontestabile, ma anche la mancanza di un corretto sistema di “governance”.“Un aumento delle risorse, seppur auspicabile , non basta. Occorre invece che quelle disponibili, poche del resto, non vadano sprecate né restino inutilizzate ma, al contrario, siano usate in modo finalizzato e responsabile: oggi più che mai è essenziale individuare obiettivi strategici condivisi da tutti”. A questo riguardo la provincia di Crotone ha individuato alcune priorità su cui incentrare la strategia di rilancio, a partire dall’istituzione di una struttura di riferimento provinciale per il coordinamento e la promozione di iniziative in materia di utilizzazione dei fondi strutturali comunitari, che definisca gli indirizzi e gli obiettivi generali che il territorio provinciale deve perseguire nello svolgimento della propria attività. Lentini ha poi puntato il dito sul mancato utilizzo dei fondi europei per la cultura “E’ assurdo -ha detto- che in una fase come questa non si riescano a spendere le risorse che l’Europa ci mette a disposizione. Mi riferisco al programma Poin “Attrattori culturali, naturali e turismo” , un programma operativo interregionale della Commissione Europea che favorisce le potenzialità turistiche del patrimonio culturale delle regioni dell’obiettivo convergenza, tra cui la Calabria,e che ha un budget di circa 1 miliardo di euro. Dal 2007 ad oggi non è stato utilizzato un solo euro di questo fondo. E’ chiaro che se andiamo avanti così il rischio è che questi soldi andranno persi e dovranno essere riconsegnati all’Europa”. Ma questo non dovrà accadere. La provincia di Crotone e tutti i 27 comuni della provincia, non si possono permettere il lusso di rimandare al mittente queste risorse Per questo nei prossimi giorni l’assessore Lentini proporrà al presidente Zurlo ed alla Giunta provinciale di dar vita a questo inedito coordinamento provinciale che, partendo dalla già costituita rete provinciale della “Riva Sud” delle dieci provincie che si affacciano sul mar Jonio e che ha come provincia capofila la nostra provincia, dovrà puntare le proprie attenzioni sul Poin Cultura e sul Poin Energia. Ciò nella consapevolezza che dalla riscoperta e valorizzazione delle risorse culturali e dalla difesa e dalla rivalutazione dell’ambiente parte la sfida per il rilancio del territorio, per ridare fiducia e speranza ai crotonesi, per offrire opportunità, per venire incontro ai giovani, ai nuovi saperi , a quelle intelligenze che sono lo spreco maggiore di una terra incapace di utilizzarle per il proprio futuro”.