Giovanni Paola-Conflenti: ringraziamento alla compagnia Alitalia per aver favorito il trasferimento di un giovane ammalato

In ragione della necessità primaria di far partire l’ammalato, le cui condizioni cliniche non potevano consentire la benché minima arrendevolezza, né alcun differimento di data,  le mie interlocuzioni con tutti gli esponenti in indirizzo, si sono fatte sempre più pressanti ed insistenti.
Finalmente, nella tarda mattinata, dopo un impressionante tourbillon di contatti, è giunta la tanto attesa notizia sullo sblocco dell’impedimento, ed è stata perciò concessa l’opportunità della barella al giovane ammalato, dando la possibilità di poter partire e di dare corso, così, alle sue speranze di guarigione.
L’obiettivo raggiunto è stato ancora più brillante, perché al giovane, viste le sue condizioni cliniche estremamente gravi, è stata offerta la possibilità di poter transitare da Roma senza abbandonare il velivolo, potendo beneficiare della circostanza, evidentemente creata appositamente, che fosse lo stesso aereo ad effettuare il volo, della tratta successiva, verso Parigi.    
Con la presente nota, mi corre l’obbligo ringraziare i responsabili, in rappresentanza dell’Alitalia, della SA.CAL,  della POLARIA (di stanza all’Aeroporto di Lamezia Terme) ed il Comandante la Stazione dei Carabinieri di Conflenti.
La loro azione coordinata e combinata ha consentito questo grande risultato che premia la sensibilità di ogni marchio, per l’esaltazione dei valori umani.
In questa circostanza, il calore dell’emotività di voler salvare una vita umana, ha prevalso sulla fredda burocrazia  che stava imponendo delle regole rigide ed impietose.
La persistenza del “no” alla barella avrebbe avuto il significato, per il mio sfortunato amministrato, di una “condanna a morte” senza appello.
Questa scelta “di vita” ha dato vigore e felicità, non solo all’ammalato ed alla sua famiglia, ma anche ad un’intera comunità che oggi è in festa ed avverte il dovere di esprimere, per il mio tramite, un sentimento di intensa gratificazione e commozione.

UN GRAZIE A TUTTI I PROTAGONOSTI PER LE SCELTE FATTE  CHE, CON QUESTA STORIA, HANNO SCRITTO UNA BELLA PAGINA ED HANNO RESO FELICE UN’INTERA COMUNITA’.