Giovanni Puccio (PD)-sciopero call center: sciopero opportuno per richiamare l’attenzione sulla crisi del comparto

giovanni_puccio

La piena applicazione anche nel nostro Paese di tale direttiva, che è norma di civiltà e buon senso, è di fondamentale importanza per sconfiggere definitivamente la prassi dello sfruttamento e del precariato in quanto si prefigge di proteggere i lavoratori in caso di cambiamento del datore di lavoro in seguito al trasferimento della loro impresa.
Sono tante le situazioni di allarme che anche in questo ambito specifico la Calabria presenta con chiusura di aziende, stati di crisi, delocalizzazione in altri paesi comunitari. La grave crisi economica e sociale che stiamo attraversando ma – mi si permetta di dirlo chiaramente – pure l’imprenditoria senza scrupoli calabrese e non, hanno gioco facile in mancanza di normative certe nel ridurre i diritti dei lavoratori condannandoli ad una precarietà senza sbocchi.
Ben venga la giornata di sciopero di venerdì prossimo e l’iniziativa del sindacato che a livello nazionale ha avviato la raccolta di firme per una denuncia alla Commissione Europea proprio in relazione all’errata trasposizione dei contenuti della Direttiva 23/2001 in materia di tutele dei diritti dei lavoratori.
Giovanni Puccio – Candidato al Consiglio regionale