Lamezia, azione shock di CasaPound per protesta contro aumento tasse comunali

5

{gallery width=109&height=80&title=Casapound Lamezia Terme protesta contro aumento tasse}/images/In_Citta/CASAPOUND_aumento_tasse/{/gallery}

“E’ per questo che CasaPound ieri sera – continua il responsabile – ha simbolicamente “impiccato” diversi manichini in città; un segnale di dissenso forte, che mira a rappresentare le conseguenze di politiche governative e locali sull’Italia che produce e lavora. Revoca dell’esonero per le categorie più deboli alla mensa scolastica, aumento dell’IMU dal 4×1000 al 6×1000, aumento dell’IMU sulla seconda casa dal 7,6×1000 al 10,6×1000, addizionale Irpef più che raddoppiata (dallo 0,35% allo 0,80%) e la Tarsu che rimane stabile sul massimo imponibile, questo è il regalo di Natale fatto dall’attuale amministrazione comunale alla città”.

“Non possiamo pensare e far pensare alla gente – conclude Mimmo Gianturco – che non ci sono altre risposte, che non esistono colpe e che tutto è da imputare alla crisi e ai tagli. La buona amministrazione è proprio contro queste difficoltà che combatte. Nell’abbondanza delle risorse siamo tutti capaci a governare la cosa pubblica. Gianni Speranza ha fallito e non può accampare giustificazioni. E’ per questo che ci auguriamo che almeno le sue dimissioni siano veramente irrevocabili e che il suo ritiro dalla vita politica non debba essere imposto da nessuna Corte (ciò che peraltro vorrebbe dire l’accertamento dell’irreparabilità del buco di bilancio). I lametini dalla prossima tornata elettorale votino le persone nuove e i programmi politici veramente alternativi. Solo così potremmo realmente cambiare le cose”.