Lamezia, Piccioni: “Derby Conad – Raffaele Lamezia a Pianopoli, pagina nera per lo sport lametino”

LAMEZIA TERME – “Domenica prossima è in programma il derby di pallavolo tra la Conad Lamezia e la Raffaele Lamezia. Da una parte la Conad, una vera e propria corazzata per la categoria, che sta dominando il campionato di serie B e dall’altra la Raffaele, una squadra piena di giocatori lametini che con orgoglio occupa la 5 posizione in classifica. Sulla carta un evento da passare nella storia sportiva della nostra città: di quella Lamezia che dagli anni ’70 in poi ha visto intere generazioni di ragazzi lametini cresciuti con la passione di un pallone da alzare, difendere o schiacciare; di quella Lamezia che si riuniva nei mitici derby nella straordinaria cornice della palestra dello Scolastico; di quella Lamezia che per tanti anni ha rappresentato con fierezza la Calabria in serie A arrivando ad un soffio dalla massima serie!!! Quante storie, emozioni, amicizie si sono intrecciate in tanti anni grazie ad un semplice pallone!!! Sarebbe dovuta essere una grande giornata di sport!!! Una giornata da vivere e trascorrere tutti insieme: intere famiglie, nonni, padri e figli uniti dallo sport per trasmettere i sani principi della sana competizione all’insegna del rispetto dell’avversario.
Sarebbe! Non a caso ho usato il condizionale: perché purtroppo, per colpa di una burocrazia fredda e insensibile alla vita di tutti i giorni, sarà invece una delle pagine più nere dello sport lametino. Non possiamo che amaramente constatare come a distanza di 4 mesi il problema della chiusura al pubblico del PalaSparti non sia ancora stato risolto. I commissari più volte hanno detto pubblicamente di essere impegnati a rimuovere gli ostacoli, ma i fatti dicono questo: il derby andrà in scena nella vicina Pianopoli, la cui amministrazione va solo ringraziata per l’ospitalità concessa, in una struttura che può contenere appena 300 spettatori!!! Nella partita di andata il PalaSparti ha visto la gioiosa e festosa partecipazione di ben 1.500 spettatori affamati di sport in un periodo molto difficile per la città: non bisogna dunque essere Pitagora per capire che ben 1200 appassionati lametini dovranno rimanere a casa. Davvero un gran peccato!!! Ma aldilà del derby di domenica prossima, è la situazione complessiva ad essere desolante. Per rimanere alle squadre di vertice: basti pensare alla Conad che sta facendo una stagione straordinaria in testa al campionato con grandi investimenti e sforzi finanziari, privata della possibilità di avere il supporto dei tanti appassionati della città; anche il Basketball Lamezia, dopo la splendida stagione scorsa in cui ha fatto vivere delle giornate indimenticabili in un palazzetto in cui il pubblico era diventato il sesto uomo in campo, ha iniziato i play-off promozione con evidenti contraccolpi sportivi dovuti alla mancanza dei propri supporters; infine anche la Royal Team di calcio femminile, ancora al primo posto del campionato di serie A2 e all’inseguimento del sogno della serie A1, ma orfana dei suoi tifosi. Per non dire delle squadre di calcio: dal Sambiase, alla Promosport, al Fronti e alle Vigor anche esse senza spettatori e sostegno. Il dato ancor più triste però è quello sociale e sportivo per le nuove generazioni: è provato scientificamente che nei bambini che iniziano ad avvicinarsi al mondo dello sport o che già lo praticano poter vedere da vicino gli atleti di alto livello e toccare con mano i propri “eroi” accresce esponenzialmente la possibilità che quei bambini nella loro vita continueranno, anche solo per spirito positivo di emulazione, a fare sport. Ed è altrettanto provato che lo sport, oltre agli indubbi vantaggi sulla salute, aiuta soprattutto nelle nostre realtà a tenere i bambini e i ragazzi lontani da ambienti e frequentazioni pericolose. Voglio cogliere l’occasione anche per sollecitare su un’altra questione ormai imminente: nei giorni 20-22 aprile Lamezia sarà la capitale nazionale del calcio giovanile con il Torneo Città di Lamezia Terme Memorial Pasquale Gallo, nostro giovane calciatore e amato concittadino scomparso prematuramente, al quale parteciperanno le squadre ufficiali di Genoa, Inter, Milan, Roma nonché oltre 40 squadre giovanili provenienti da ogni parte d’Italia. Un evento straordinario ed emozionante che avrà anche un grande impatto economico sulla nostra città poiché i giovanissimi calciatori verranno accompagnati dai propri familiari. Ebbene ad oggi non risulta ancora stata rilasciata l’agibilità dello stadio Gianni Renda, che è il campo in cui si disputerà la manifestazione. Non voglio proprio pensare a cosa vorrebbe significare per la nostra città e per tutti noi vedere tutto il pubblico fatto di nonni, genitori, semplici appassionati, fuori dallo stadio e impossibilitato a vedere i propri figli impegnati in una grande festa di sport. Rivolgo dunque un accorato appello perché nei pochissimi giorni che ormai mancano all’evento, il Comune rimuova tutti gli ostacoli burocratici. Perché solo di questo si tratta: il Gianni Renda è un gioiellino che con orgoglio potremo mostrare alle tante blasonate società e alle tante famiglie che raggiungeranno Lamezia. Si tratta di un’occasione unica per mostrare uno dei lati positivi di Lamezia. Dopo averlo fatto nell’incontro avuto in comune nei primi giorni di gennaio, rivolgo quindi nuovamente l’appello ai commissari ad accelerare sul tema degli impianti sportivi.
A Lamezia lo sport è un patrimonio inestimabile di tutta la nostra comunità, che ha legato tra loro le generazioni, ha fatto battere i cuori di tanti tifosi, ha fatto crescere talenti che si sono distinti positivamente anche a livello nazionale e non può continuare a vivere una fase mai così buia”.

Rosario Piccioni – Lamezia Insieme