LAMEZIA TERME: consiglio comunale davanti all’ospedale sulla questione sanità

consiglio-comunale-aperto1-070814_400

consiglio-comunale-aperto-070814_400Il Consiglio comunale è stato convocato dopo tutte le segnalazioni di disfunzioni lamentate dal Comitato Salviamo la Sanità del Lametino, dal Tribunale dei Diritti del Malato e da altri Comitati civici della Città delle strutture sanitarie territoriali ed ospedaliere.

Preoccupante per le gravi carenze nell’assistenza ospedaliera e territoriale” è stata definita, dopo il dibattito, la realtà sanitaria lametina e da qui, la decisione da parte dell’assise di stilare un documento con il quale chiedere alla Regione di intervenire su più punti:

  1. le carenze di personale medico e paramedico;
  2. l’integrazione dei posti letto, perché, nel comprensorio i posti letto sono 1,9 per mille abitanti, rispetto al 3 per mille previsto; r
  3. idimensionare a due i distretti sanitari;
  4. rendere noti i flussi di spesa per l’assistenza ospedaliera, distrettuale e sanitaria collettiva;
  5. la questione della chiusura del centro trasfusionale dell’Ospedale di Lamezia Terme e di rendere invece il nosocomio lametino Polo Traumatologico regionale;
  6. che l’Ospedale di Soveria Mannelli assuma funzioni integrate con quello di Lamezia.
  7. la necessità di istituire un tavolo Inter-Istituzionale Aperto sui temi della Sanità per “favorire il confronto istituzionale, sensibilizzare i responsabili della gestione della sanità per adottare provvedimenti; e costituire un punto di riferimento per cittadini, operatori sanitari, sindacati, volontari ed associazioni”.

I toni non sono stati sempre pacati e questo ha costretto il Presidente Grandinetti a sospendere più volte la seduta. Mariolina Tropea rivolgendosi al DG Mancuso gli ha consigliato di “essere un più equilibrato esecutore delle leggi regionali»