Lamezia, Villella (MTL): “Piccioni deve ringraziare immensamente il Sindaco per non aver dichiarato il dissesto economico”

LAMEZIA TERME – “Come tradizione il Consigliere comunale Rosario Piccioni si è presentato ai pochi lametini intervenuti al suo evento, divenuto una noiosissima costante, elencando i deficit dell’attuale governo locale ed il risultato finale lo possiamo tranquillamente considerare una maldestra lezione di moralità e buona politica.È evidente che bisogna essere dotati di una bella faccia tosta per ergersi a moralizzatore,  quando il Consigliere in questione paradossalmente dovrebbe esprimere immensa riconoscenza al Sindaco Paolo Mascaro per non aver dichiarato il dissesto economico dell’Ente, condizione essenziale per non stravolgere l’equilibrio sociale della Città. Il dissesto, ancora oggi non scongiurato, è bene non dimenticare avrebbe sancito il fallimento della Multiservizi, il servizio mensa sarebbe stato soppresso, i buoni libri eliminati e poi tante altre negatività si sarebbe aggiunte all’elenco. Tale decisione di riflesso ha “salvato” te ed i tuoi amici (anche quelli di via Perugini) in quanto  per come prevede la legge saresti stato dichiarato non candidabile per ben dieci anni. Quindi, l’attuale condizione di pre-dissesto è la certificazione del tuo fallimento politico, che ha zavorrato pesantemente l’attuale Amministrazione comunale. E’ stato, invece, caratterizzato da una certa onestà intellettuale, se escludiamo qualche passaggio legato allo spettro dello scioglimento stranamente caratterizzato da qualche inesattezza, l’intervento della Consigliera Aquila Villella. Ad essere sinceri la nostra speranza, naturalmente per non replicare, era comprendere dall’ex assessore come creare un deficit comunale da 40 milioni di euro,  come “distruggere” lo sport, come portare le tasse dei lametini al massimo consentito dalla legge, come creare il “giallo” sulla maxi bolletta dell’acqua da 15.000.000 euro sparita dai bilanci comunali. Sul Consigliere Piccioni, comunque, torneremo molto presto con una serie di interessanti novità.  In ogni modo, come tradizione l’intervento dell’ex assessore della Giunta Speranza manca di proposte utili ai lametini essendo intriso di un costante tono accusatorio, giustizialista, caratterizzato da una legalità sui generis tendendo a tutelare i sui “amici” alcuni dei quali sono dentro la macchina amministrativa. Il Movimento, in questi giorni, attraversa una profonda fase di riflessione politica che presto si concretizzerà con una forte azione se non dovessero essere rimossi alcuni ostacoli, che purtroppo non permettono il corretto agire politico amministrativo”.

Luigi Villella (Portavoce MTL)