MANOVRA: NAPOLITANO PREOCCUPATO PER SITUAZIONE ECONOMICA

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ribadito a Silvio Berlusconi la sua preoccupazione per lo stato dell’economia, nel suo colloquio di stasera al Quirinale. Un colloquio che si e’ svolto proprio mentre Standard and Poor’s abbassava il rating di sette banche italiane. Anche per questo, a quanto si ricostruisce, il presidente del Consiglio avrebbe sottolineato la necessita’ di nn cedere alle speculazioni internazionali. Da parte sua Napolitano ha ribadito l’esigenza di procedere, di fronte ad una situazione come l’attuale, con misure per il rilancio e la crescita che siano il piu’ condivise possibile, magari con un ampio accordo tra le forze parlamentari. Un altro punto del colloquio la nomina di Saccomanni alla Banca d’Italia, in sostituzione di Mario Draghi. Sono state avviate le procedure, che verranno finalizzate nelle prossime setimane. Berlusconi ha manifestato una valutazione positiva della situazione, ha garantito che ci sono le condizioni per andare avanti, e che anche nella crisi economica il peggio e’ passato. Napolitano ha mostrato qualche preoccupazione in piu’. Berlusconi ha illustrato le linee (molto) generali della manovra. Si e’ parlato anche della nomina a governatore di Bankitalia, ma senza nomi espliciti. Verso la fine del colloquio il premier ha nuovamente esposto le sue preoccupazioni per il funzionamento della giustizia. Le preoccupazioni espresse da Napolitano sono legate sia alla situazione del Paese che all’effettiva capacita’ del governo di mantenere gli impegni presi. Berlusconi ha ribadito che la maggioranza e’ unita, che anche con la Lega non ci sono problemi e che oggi l’incontro con Bossi e’ andato bene. Non pare, comunque, che Napolitano abbia prospettato a Berlusconi un suo altola’ in caso di nuovi episodi come quelo di ieri alla Camera, in cui la maggioranza e’ andata sotto piu’ volte.(AGI)