Mimmo Tallini replica a Nicola Mastroianni: «La compagnia BGS non ha portato miglioramenti all’aeroporto lametino»

L’ingresso della Baltic di fatto non ha comportato un sostanziale incremento dei volumi di traffico sull’aeroporto calabrese. Il reale beneficio per gli utenti, per il territorio e non ultimo l’ente gestore, dell’accesso di un nuovo handler, era l’opportunità di attrarre nuove compagnie aeree, diversificando l’offerta. Questa opportunità non si è realizzata e la società lituana si è limitata a contrattualizzare compagnie cherter nel periodo estivo, compito questo svolto storicamente ed egregiamente d Sacal». Della serie: nulla è cambiato con l’ingresso di BGS, nulla cambia senza questa società.
Anzi, Tallini rilancia. Ed evidenzia in una sua nota i meriti della società che gestisce la struttura lametina: «E’ dunque per noi un motivo di orgoglio che Sacal abbia retto magistralmente la sfida del mercato dell’handling, anche davanti a soggetti internazionali, difendendo la professionalità e i i livelli occupazionali dei suoi dipendenti. L’uscita di scena di BGS non comporterà pertanto alcun danno per l’aeroporto lametino che viene guidato con esperienza e  capacità da un management che ha ottenuto grandi risultati e si propone di svilupparne ulteriormente il ruolo come scalo strategico in Italia ed al centro del Mediterraneo».