Ministeri, La Russa frena le agitazioni dell’asse Alemanno-Polverini: “Si bagnano prima che piova”.

Roma – ”Domani ci sarà un ordine del giorno del contro lo spostamento dei al nord”. Lo ha annunciato il sindaco di Roma , dopo aver firmato la petizione popolare per dire no alle richieste della .

Il sindaco ha spiegato che “oltre all’ordine del giorno al decreto sviluppo annunciato dal Partito democratico ci sarà anche un testo del Popolo della Libertà. Sulla stessa linea la : “Ho appena convocato una Giunta d’urgenza per parlare della nostra petizione di cui io sarò la prima firmataria. Andrò a piazza del Pantheon a firmarla. Naturalmente è aperta a tutti”.

“Ora i rapporti tra Pdl e Lega sono complessi – ha aggiunto la presidente della Regione Lazio – ieri Bossi ha anche detto cose giuste e condivisibili, come la riforma fiscale, il sostegno alle imprese: su questi temi è possibile la sintesi. La cosa che mi dispiace – ha proseguito – è che si è aperto un dibattito sui ministeri solo per finalità ideologiche e propagandistiche, ma nessuno parla di cosa significherebbe per le famiglie. Pensate inoltre a un Consiglio dei Ministri convocato d’urgenza. Che succederebbe? I ministri – ha concluso – dovrebbero spostarsi per il Paese, perdendo un sacco di tempo e di risorse”.

Brusco invece il commento del Ministro della Difesa : “E’ sbagliato agitarsi se ancora non piove, in quel caso aprire l’ombrello porta sfortuna, quindi è prematuro aprire l’ombrello. Magari non pioverà mai. Polverini e Alemanno si bagnano prima che piova. Chi volesse mettere in discussione il ruolo di Roma Capitale, troverebbe in me un fiero nemico”, ha concluso.