Misure anti-Covid, interrogazione di Piccioni al sindaco Mascaro: “Mettere in atto strategie per situazioni di maggiore fragilità in città”

LAMEZIA TERME – “Alla luce dell’incremento dei contagi nelle ultime settimane in tutto il Paese e anche nella nostra Regione, che pure resta tra quelle con l’indice di contagio più basso secondo l’ultimo rapporto dell’Istituto Superiore della Sanità, e alla luce delle nuove norme di contrasto alla diffusione dell’epidemia varate dal governo, ho presentato un’interrogazione al sindaco per sapere quali misure si stiano mettendo in atto o si vorrà mettere in atto per coinvolgere alcune aree della città e soprattutto alcune fasce di cittadini che, per varie ragioni, non sono informati sulle nuove misure anti- Covid e attivare azioni di sensibilizzazione e prevenzione adeguate.
La strada maestra resta una sola, ancor più alla luce dell’esperienza di questi mesi e dell’evidenza scientifica: la prevenzione!!! Occorre prevenire con ogni mezzo lo sviluppo di focolai che potrebbero divenire inarrestabili. Ci sono alcune aree della nostra città dove, per ragioni oggettive, ci sono condizioni che potenzialmente potrebbero innescare cause di dilagare del contagio. Penso ad alcune zone periferiche, al campo Rom di Scordovillo, dove spesso le abitazioni sono collocate le une accanto alle altre e la stessa dimensione delle abitazioni è limitata a un solo ambiente, con la possibilità di assembramenti tra nuclei familiari diversi. E ancora, guardando alla realtà della nostra comunità, dobbiamo riconoscere che ci sono fasce di cittadini che, certamente non per loro responsabilità ma per carenze di strumenti tecnologici e culturali, non fruiscono in maniera frequente dei mezzi di informazione e potrebbero addirittura non essere al corrente delle nuove misure di prevenzione. A molti di noi può sembrare impossibile, ma non tutti i cittadini hanno la possibilità di accedere a internet o di informarsi tramite gli organi di informazione.
Rispetto a queste realtà occorre che l’amministrazione comunale, coinvolgendo le realtà dell’associazionismo e del volontariato, attivi prima possibile una campagna di informazione sulle misure di prevenzione e di sensibilizzazione dei cittadini. Certamente, laddove sarà necessario, occorrerà rafforzare i controlli a garanzia della salute di tutti. E’chiaro, ormai lo sappiamo: il virus non fa differenze e il contagio può riguardare tutti in qualsiasi momento. Ma nella nostra città ci sono situazioni di maggiore fragilità umana e culturale sulle quali occorre avere la massima attenzione per impedire che possano diventare canali di diffusione del contagio e soprattutto tutelare la salute dei cittadini”.

Rosario Piccioni – Lamezia Bene Comune