Nicola Mastroianni: Sulla vicenda ICOM finalmente emergono verità e responsabilità

nicola_mastroianni_400

Finora avevo ritenuto, ma con me tutti gli ambienti della città compresi quelli politici, che questa proposta non avesse avuto risposta ed invece, in data 15.1.2008, con una lettera raccomandata firmata proprio dall’Ing. Floriano Noto, la Icom accoglieva nella parte normativa la proposta ma richiedeva un aumento del terreno da acquisire pari al doppio rispetto a quello proposto dal Comune.
Una richiesta eccessiva forse ma io direi fino ad un certo punto visto che il Comune ha acquisito il terreno di Rotoli a 8,79 euro/mq mentre ha espropriato per la realizzazione del nuovo palazzetto dello sport, in prossimità di quello della Icom, ad euro 21.97 a mq.

Ora è evidente che la differenza di circa 13 euro a mq. che risulta matematicamente a favore della Icom non è reale per il tempo trascorso e la diversa valutazione del valore di esproprio, ma è abbastanza pacifico che una certa differenza esisteva anche  nel 2008 ed era a favore della società del gruppo Noto.
A ciò, ovviamente và aggiunto il corrispettivo del risarcimento del danno, già certo nel 2008, ed oggi quantificato nella cifra sopra richiamata (oltre 20 milioni di euro).
Ma il punto non  riguarda  solo la convenienza dell’accordo e a questo punto allora mi chiedo come mai il Sindaco non abbia intavolato una trattativa negoziale, non abbia informato gli organi istituzionali (Giunta e Consiglio comunale) e la città della proposta, perché non abbia avvisato neanche  i propri uffici visto che nelle difese del Comune in giudizio i nostri avvocati hanno contestato alla Icom di non aver risposto alla offerta (facendo una bruttissima figura) dell’Ente, perché, in altri termini, non si è attivato un percorso democratico e trasparente per arrivare ad una scelta condivisa ma tutto è rimasto nascosto tranne alcuni accenni che solo oggi comprendiamo.
Oggi il Sindaco, non sappiamo se anche la Giunta del tempo e quali uffici, portano la responsabilità quindi di una scelta sbagliata e solitaria che la città pagherà assai cara e per la quale non ci sono davvero giustificazioni tanto sul piano politico quanto sul piano delle responsabilità individuali in sede civile e penale sulla vicenda.
Per quanto mi riguarda i fatti sono di una gravità inaudita e, pertanto, tutte le perplessità che in più occasioni ho avuto modo di manifestare pubblicamente sulla vicenda Icom oggi trovano compiuta fondatezza e per le quali mi riservo di riferire all’autorità giudiziaria a tutela dell’Ente e della comunità lametina.
Nei prossimi giorni incontrerò l’Ing. Floriano Noto a cui mi sento di dovere delle scuse pubbliche e, nell’occasione, rivalutare l’invito a definire il contenzioso con l’Ente e mantenere il programma di investimento nella città lametina.