Oggi il primo incontro del Tavolo Regionale finalizzato al contrasto e alla riduzione della povertà e dell’esclusione sociale

CATANZARO – Lunedì 2 luglio, presso l’Assessorato al Lavoro, Welfare e Politiche Sociali, si terrà il primo incontro del Tavolo Regionale finalizzato al contrasto e alla riduzione della povertà e dell’esclusione sociale. L’istituzione del Tavolo, deliberata lo scorso 29 giugno in Giunta, era propedeutica all’adozione del “Piano Regionale di Contrasto alle povertà” per come previsto dal Dlgs 147/2017”. Una nuova modalità di gestire e applicare i servizi alla persona rivolti ai soggetti in stato di povertà. Il Presidente della Regione Mario Oliverio ha voluto sottolineare che “il piano rappresenta un altro considerevole tassello nelle politiche che la Regione Calabria sta mettendo a punto, insieme agli enti locali e a tutti gli attori del Terzo Settore, per attuare politiche che hanno l’obiettivo di contrastare la povertà, ridurre gli squilibri e le forme di diseguaglianza, e promuovere soprattutto politiche di inclusione sociale per le persone che attraversano momenti di difficoltà e di rischi di impoverimento”.
Secondo l’Assessore al Lavoro Angela Robbe “l’obiettivo è di creare una Rete di protezione sociale, ovvero la sostruzione di un’infrastruttura che diventi l’ossatura dell’organizzazione di servizi, che vada dai servizi socioassistenziali a quelli per il lavoro, in una continuità che vada dall’emergenza al ripristino di autonomia delle persone e dei nuclei familiari, e individuando e adottando un metodo di lavoro che sappia elaborare soluzione e proposte, favorisca l’inclusione attiva e la riduzione di disuguaglianze insostenibili che invece provocano e alimentano la crisi sociale”. Al Tavolo, costituito secondo le indicazioni del Ministero, partecipano tutti i soggetti attivi e protagonisti del Welfare della nostra regione, impegnati in particolare sulle tematiche del contrasto alla povertà, a cominciare dagli enti locali che sono sempre più i soggetti fondamentali di snodo nella definizione e attuazione della attività di Welfare con cui la Regione intende colloquiare per dare risposte alle persone, e si completa con tutti i soggetti (associazioni, terzo settore, volontariato, organizzazioni sindacali, etc.) impegnati su questo delicato tema.