Onorevole D’Ippolito (Udc): criminalità organizzata, anche in Emilia Romagna realtà radicata

La Commissione antimafia prosegue la propria indagine conoscitiva sul grado di penetrazione della criminalità organizzata sul territorio nazionale.
Dopo gli incontri in Piemonte, Lombardia, Liguria e Veneto, l’On. Ida D’Ippolito (UDC), insieme ai suoi colleghi della Commissione, ieri e oggiAggiungi un appuntamento per oggi è stata a Bologna per esaminare la situazione dell’Emilia Romagna, attraverso colloqui con i Prefetti, i rappresentanti delle forze dell’ordine, delle Istituzioni e della Magistratura.
Quello che è emerso durante le audizioni di questi due giorni è che anche in Emilia Romagna le realtà criminali sono attive e ogni giorno di più rafforzano la loro presenza, soprattutto nel settore edile, pubblico e privato, fatte salve le tradizionali attività di usura, riciclaggio e traffico di stupefacenti”, ha dichiarato l’On. D’Ippolito al termine degli incontri.
Tutte le nove province risultano variamente interessate, con una maggiore presenza di ‘ndrangheta e camorra nelle Province di Modena, Parma, Piacenza e Reggio Emilia. La consapevolezza e la preoccupazione di magistratura, forze dell’ordine e istituzioni di governo territoriale, particolarmente alta in questo periodo di ricostruzione post-terremoto, sono accompagnate da un forte e motivato impegno a contenere e respingere questo fenomeno. La Commissione antimafia saprà fornire strumenti concreti per aiutarli in questo difficile ma fondamentale compito”.