Politica, nasce “Sovranità – Prima gli italiani”. Presentazione del progetto vicino a Matteo Salvini

sovranit_-_prima_gli_italiani_400

Sovranità, identità e lavoro i tre punti cardine

LAMEZIA TERME – “È con immensa soddisfazione che annunciamo in Calabria la nascita di ‘Sovranità – Prima gli Italiani’, un’associazione che mira a sostenere politicamente, culturalmente e organizzativamente le battaglie di Matteo Salvini”. Così Antonio Felice Zaffina, promotore e portavoce del nuovo soggetto politico.
La presentazione ufficiale di “Sovranità” è avvenuta venerdì 9 gennaio, presso il Grand Hotel Lamezia. All’incontro tra gli altri, hanno partecipato il vicepresidente di CasaPound Italia, Simone Di Stefano, il coordinatore regionale, Mimmo Gianturco e il consigliere comunale di Squillace, Ruggero Mauro.
L’obiettivo di ‘Sovranità – Prima gli Italiani’ – continua Zaffina – è quello di dare vita ad un progetto ambizioso caratterizzato da idee, strutture e parole d’ordine, per sostenere una proposta politica che, a nostro avviso, nel panorama attuale rappresenta l’unica speranza per la nostra nazione. Sovranità significa libertà di forgiare il proprio destino. È la capacità di battere e controllare moneta (sovranità monetaria). È la possibilità di approvvigionarsi a fonte energetiche diversificate e per quanto possibile autonome (sovranità energetica). È la possibilità di potersi difendere (sovranità militare). È la libertà di non avere zone di non diritto nelle proprie città (sovranità territoriale). È la capacità di decidere in piena libertà le proprie leggi, i propri amici, i propri nemici (sovranità politica)”.
“La nostra proposta politica – conclude – in un contesto in cui si verifica l’impoverimento di fasce sempre più consistenti del popolo italiano, una forte disoccupazione giovanile, una tassazione che strangola i settori produttivi, l’accelerazione dei recenti governi su progetti etnocidi, è sovranista, sociale, identitaria, che si faccia portavoce degli interessi del popolo italiano in un momento in cui le caste politiche, economiche e culturali non riescono più a capire ciò che accade nell’Italia rimasta fuori dai salotti. Questa proposta politica si è spontaneamente incarnata nel progetto politico che Matteo Salvini sta portando avanti da diversi mesi”.