Sacal, Gianturco (CasaPound): Azienda dimostri serietà e rispetti accordi su stabilizzazione stagionali

“Mentre da un lato si comunica ai lavoratori stagionali l’assenza delle risorse per la loro stabilizzazione – continua il responsabile di CasaPound – dall’altro si è data la possibilità di aumenti di livello per alcuni tra impiegati e dirigenti. Queste non sono altro che logiche clientelari. Sistemare gli amici degli amici, a discapito degli operai precari, il tutto eseguito sottotraccia, per di più con i soldi pubblici. In pratica, aumentano dirigenti e impiegati, e diminuiscono gli operai. Il tutto nel silenzio più assordante dei sindacati di categoria, e con un forte malcontento degli operai”.

“La Sacal – conclude Gianturco – rispetti tutti gli accordi presi, iniziando dalla stabilizzazione dei 22 lavoratori stagionali, dal riconoscimento del premio di produttività riguardante il 2010, dal versamento degli arretrati sull’accordo sindacale del 2006 sui buoni pasti e s’impegni in una gestione più etica di quest’azienda partecipata. Invitiamo inoltre tutti i membri del Consiglio d’Amministrazione, a essere maggiormente attenti a quello che succede all’interno dell’aeroporto cittadino, affinché si ristabilisca un ordine gestionale e una scala di priorità, all’interno della quale sia presente la tutela dei lavoratori. Confidiamo perciò nella celere risoluzione di questa vertenza. Se ciò non dovesse accadere, non staremo a guardare, ed effettueremo una forte protesta”.