SACAL: il presidente Massimo Colosimo aspetta i piani industriali di Sogas e Sant’Anna

massimo-colosimo_400

Da parte sua Nucera ribadisce di aver parlato da componente della giunta nazionale di Federturismo e presidente della stessa sezione di Reggio.
Ma aldilà delle diatribe dentro e fuori Confindustria, il presidente Colosimo sostiene che «la prima condizione per arrivare alla società unica bisogna prima preparare i piani industriali tre mesi dopo che il consiglio dei ministri approverà la proposta Lupi. Soltanto allora si potrà capire cosa vuole e può fare ogni singola società aeroportuale. Trattandosi di Spa sono gli azionisti che decidono eventuali accorpamenti, newco o reti d’impresa».
Poi si tratterebbe di ricapitalizzare, e gli enti locali non possono farlo perchè glielo impedisce la spending review. Si va verso una privatizzazione delle società aeroportuali? Il presidente conferma: «La tendenza è quella delle dismissioni degli enti a favore dei privati. E’ la strada indicata dall’Enac (Ente nazionale aviazione civile)».
Ieri a Colosimo è arrivata una lettera dell’ex governatore Agazio Loiero: «Le rappresento tutto il mio dissenso nei confronti del tentativo di riproporre un’azione sventata in passato, tendente a realizzare in Calabria una società aeroportuale di gestione unica. Sono persuaso che questo sarebbe letale per l’aeroporto lametino riducendolo ad indebolirsi complessivamente, col rischio di essere compromesso dai debiti di Reggio e Crotone». (Gazzetta del Sud – v.le.)