Sanità, Oliverio: “Inaccettabile licenziamento dei precari”

CATANZARO – “Non sono ammesse sottovalutazioni. Il licenziamento dei lavoratori precari all’interno del servizio sanitario calabrese provocherebbe un vero e proprio disastro sui già deboli servizi esistenti”. Lo afferma il presidente della Regione, Mario Oliverio, con riferimento alla vertenza dei precari nella sanità. “Ho incontrato nei giorni scorsi – ricorda Oliverio – una delegazione dei lavoratori dell’ospedale “Pugliese-Ciaccio” di Catanzaro e dell’Annunziata di Cosenza. Nella stessa giornata ho scritto formalmente al commissario ad acta per il Piano di rientro sanitario Saverio Cotticelli affinché assumesse tutte le iniziative possibili per evitare il licenziamento di operatori che hanno maturato anzianità di servizio addirittura fino a 5,6 anni. Successivamente ho presieduto un incontro con il commissario, il sub commissario, il direttore generale del Dipartimento salute, il direttore reggente dell’Ao Pugliese-Ciaccio senza registrare alcun passo in avanti. I licenziamenti già attivati dall’1 settembre – sostiene il presidente della Regione – hanno provocato serie difficoltà sui servizi dell’ospedale Pugliese-Ciaccio dove sono previste nelle prossime settimane decine e decine di licenziamenti.