Sindaco di Soveria Mannelli su dimensionamento scolastico

La Giunta comunale di Soveria Mannelli, nell’ultima seduta, ha deliberato di confermare all’amministrazione provinciale di Catanzaro (dalla quale tra l’altro, evidentemente per un disguido tecnico, non ha ricevuto alcun invito alla conferenza sul dimensionamento scolastico per l’anno scolastico 2014/2015 e per questo tenutasi il 17 novembre scorso in assenza di ogni rappresentanza del Comune di Soveria Mannelli), l’attuale assetto dell’istituto comprensivo “Gianni Rodari”, con il conseguente mantenimento della sua completa autonomia. Scelta, questa, dettata anche in conseguenza dell’accorpamento già avvenuto nell’anno scolastico 2009/2010, con l’istituto comprensivo di Carlopoli, che conta oggi complessivamente 405 alunni.
Il Sindaco, Avv. Giuseppe Pascuzzi, e la Giunta ritengono l’argomento estremamente sensibile ed intendono, con tale atto, contribuire alla salvaguardia dell’autonomia scolastica del locale Istituto Comprensivo. Il vitale centro montano, con l’importante documento, invita – in prima istanza – la Regione Calabria, l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Amministrazione Provinciale di Catanzaro a rappresentare presso il Governo Nazionale la necessità di difendere la completa autonomia delle istituzioni scolastiche che operano in territori effettivamente montani, auspicando che facciano altrettanto anche nell’ambito delle proprie competenze istituzionali. Al riguardo la Giunta ritiene che non si possa rivoluzionare con cadenza biennale l’assetto scolastico di un territorio senza adeguatamente e scrupolosamente considerare l’insieme dei fattori sullo stesso incidenti. Il Sindaco dichiara: «Riguardo ad ogni ipotesi di accorpamento di comuni limitrofi nell’I.C. “Gianni Rodari” o la creazione di nuovi I.C. si riserva ogni valutazione successivamente allo scadere del quinquennio aa.ss. 2011/2012-2015/2016, quando saranno varati i nuovi indirizzi regionali per la programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa, auspicando che nelle more si definisca anche l’attualmente incompleto quadro normativo e si possa ragionare serenamente, sulla base di indirizzi e principi di diritto certi e meglio rispondenti alle esigenze territoriali. Scelte diverse da questa, ora, rischierebbero di compromettere le aspettative ed i bisogni dei nostri ragazzi e delle loro famiglie. Occorre ragionare su un quadro d’insieme meglio definito. Ci impegniamo a continuare a mantenere a nostro carico e a sostenere le spese relative all’ufficio di dirigenza scolastica. D’altronde l’andamento demografico del comune di Soveria Mannelli offre confortanti proiezioni per il futuro, si pensi ad esempio, che solo in poco più di un triennio, sono nati 111 bambini, in netta controtendenza con il passato