STADIO-PICCIONI: la Vigor dovrebbe pagare il Comune

«I documenti – precisa Piccioni – sono stati consegnati a fine dicembre, come ho appurato personalmente, e non a inizio dicembre come sostiene il club. È un dato oggettivo. Aldilà delle carte e non carte, proprio perché bisogna risolvere i problemi e non crearli, i lavori potevano anche iniziare subito seguendo l’iter stabilito. Dove ci sono dei ritardi lo riconosciamo e non vedo il motivo di questo braccio di ferro in cui a tutti i costi deve far emergere che la responsabilità è del Comune. Ci può anche essere una criticità che è diventata straordinaria perché l’ordiriarietà non è stata fatta in questi anni. Alla convenzione peraltro era allegata una scheda tecnica dei lavori che, come è emerso dai sopralluoghi degli scorsi mesi, non è stata applicata. Gli ultimi risultati non sono positivi e quindi si cercava probabilmente di spostare l’attenzione».