Taglio da 151 milioni. Così “sprofondano” i Comuni calabresi

anci.

E per l’anno che è appena iniziato le prospettive non sono rosee con un ulteriore taglio previsto anche a causa della spending review. Non è un caso che gli investimenti dei Comuni oramai sono a picco e che la Corte dei Conti abbia già da tempo lanciato l’allarme sula situazione economico-finanziaria degli enti. Corte dei Conti che sta bocciando quasi tutti i piani di riequilibrio degli enti calabresi (vedasi tra tutti quelli di Lamezia Terme e Reggio) con il rischio dissesto dietro l’angolo. Non si vuole certo scagionare qui le scelte errate delle diverse amministrazioni locali che hanno con il tempo contribuito anche a realizzare il “profondo rosso” degli enti. Ma non si può certo pensare che con questi tagli continui potranno essere più garantiti i servizi minimi. Insomma una vera ecatombe per i centri calabresi sempre più dimenticati e lasciati al loro destino con pesanti vincoli e il fiato sul collo della Corte dei Conti.