Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Politico russo arrestato per aver criticato l’invasione dell’Ucraina

file immagine. Il sindaco di Ekaterinburg Yevgeny Roizman partecipa alla cerimonia di apertura dei festeggiamenti del City Day a Ekaterinburg, in Russia. 19 agosto 2017 (Reuters) / Maxim Shemetov

LONDRA (Reuters) – Il politico dell’opposizione Yevgeny Rosman è stato arrestato nella sua abitazione, secondo un video pubblicato sui social mercoledì, nell’ultimo giro di vite delle autorità russe contro i critici della guerra in Ucraina.

Un video dell’arresto mostrava Ruizman, l’ex sindaco della città degli Urali di Ekaterinburg, mentre veniva portato via dalle forze dell’ordine.

Nel video, si vede Roizman raccontare ai giornalisti di essere indagato ai sensi di una legge contro la diffamazione delle forze armate. Ha detto di essere stato arrestato “a causa di una frase, ‘invasione dell’Ucraina’”.

Quando gli è stato chiesto dove l’ha detto, ha risposto: “L’ho detto ovunque e lo dirò ora”.

L’agenzia di stampa statale TASS ha citato i servizi di sicurezza di Ekaterinburg come confermando il motivo dell’arresto, affermando che Rosman era indagato “per aver screditato l’esercito russo”.

Questo crimine, introdotto di recente dopo l’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, è punibile con una reclusione fino a cinque anni.

La Russia descrive le sue azioni in Ucraina come una “operazione militare speciale” e i cittadini rischiano di essere perseguiti se usano la parola “guerra” o “invasione”.

Rosman, uno schietto sostenitore del critico del Cremlino incarcerato Alexei Navalny, è diventato una delle figure più importanti dell’opposizione russa nel 2013 dopo essere stato eletto sindaco di Ekaterinburg, la quarta città più grande della Russia. È stata una delle vittorie dell’opposizione che ha sfruttato il malcontento per il ritorno di Vladimir Putin alla presidenza russa nel 2012.

READ  Il relatore delle Nazioni Unite descrive il Libano come uno stato fallito (+ foto)

Tuttavia, Roseman era popolare e carismatico, ma era anche controverso a causa della repressione dei tossicodipendenti in città. Nel 2018 si è dimesso da sindaco dopo che i legislatori regionali hanno votato per abolire la carica, in quella che Roizmann ha descritto come una mossa politicamente motivata contro di lui.

Dmitry Gudkov, un ex membro dell’opposizione della Duma russa, ha scritto su Telegram che l’arresto di Roizman era “la vendetta per aver detto la verità su una guerra che va avanti da sei mesi ormai”.

(Informazioni da Reuters, a cura di Benjamín Mejías Valencia in spagnolo)