Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Powell: Il tetto del tasso di interesse sarà più alto del previsto

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2022 – 19:52

(Aggiornamento con più dati, con reazione della Casa Bianca e pareri di esperti)

WASHINGTON, 2 novembre (EFE) – Il presidente della Federal Reserve americana Jerome Powell ha avvertito mercoledì che il tetto che i tassi di interesse del Paese potrebbero raggiungere sarebbe più alto del previsto alla luce degli attuali dati economici.

“I dati ricevuti dal nostro ultimo incontro indicano che il livello finale dei tassi di interesse sarà più alto del previsto”, ha affermato in una conferenza stampa in cui ha riconosciuto che l’inflazione è ancora superiore alle attese.

Powell ha rilasciato i commenti pochi istanti dopo che la Federal Reserve ha annunciato un aumento del tasso di 0,75 punti percentuali, il sesto aumento da marzo e il quarto aumento consecutivo di tre quarti di punto.

Tuttavia, il capo della Fed ha aperto le porte alla possibilità che i prossimi aumenti dei tassi potrebbero essere inferiori a 75 punti base, e ciò potrebbe accadere “alla prossima riunione o dopo”.

“Il momento (per piccoli aumenti) si avvicina e potrebbe arrivare non appena il prossimo incontro ‘che sarà a dicembre’ o il prossimo, ma non è stata presa alcuna decisione”, ha detto Powell durante la sua conferenza stampa per spiegare. Il tasso di interesse ufficiale è aumentato mercoledì.

Tuttavia, il capo della banca centrale statunitense ha riconosciuto che è troppo presto per parlare di fermare il rialzo dei tassi, poiché è ancora necessario “raggiungere questo livello sufficientemente ristretto” che consentirà di frenare l’inflazione e impedirne l’affermarsi. .

Powell ha riconosciuto che non esiste ancora un modo scientifico per determinare il punto in cui l’inflazione ha preso piede, ma ha chiarito che se i tassi di interesse vengono aumentati troppo, la Fed può sempre ricorrere agli strumenti a sua disposizione per stimolare l’inflazione. Economia.

READ  Philips 27B1U7903, massime prestazioni e display

Ha spiegato: “Se commetti l’errore al contrario e lo lasci trascinare … il rischio è che si radica nella mente delle persone” e il danno sul lavoro potrebbe essere molto maggiore.

Powell ha anche riconosciuto che la possibilità di frenare l’inflazione senza causare una recessione nella più grande economia del mondo “è diminuita”, sebbene continui ad esistere.

“Penso che una volta che i tassi salgono e devono rimanere alti per un periodo più lungo, diventa difficile vedere quel percorso, si è ristretto”, ha detto.

Tuttavia, un mercato del lavoro molto forte e una domanda dei consumatori debole ma stabile danno speranza al presidente della Fed.

La banca centrale statunitense ha soddisfatto le aspettative degli economisti e il tasso di interesse ufficiale per la più grande economia mondiale è passato a un range compreso tra il 3,75% e il 4%, il livello più alto dal 2017.

Per determinare il ritmo degli aumenti futuri, il comitato terrà conto dell’impatto dell’inasprimento della politica monetaria sull’attività economica e sull’inflazione, nonché degli “sviluppi economici e finanziari”, ha affermato la Federal Reserve in una nota.

La Casa Bianca è d’accordo

Nella sua conferenza stampa quotidiana, la portavoce della Casa Bianca Karen Jean-Pierre ha approvato le azioni della Fed e ha dichiarato che avrebbero un impatto positivo sull’economia.

“Le azioni della Fed stanno contribuendo a ridurre l’inflazione. Con l’aumento dei tassi ipotecari, la domanda del mercato immobiliare dovrebbe continuare a diminuire e lo stock immobiliare dovrebbe aumentare, il che potrebbe avere l’effetto di abbassare l’inflazione attraverso i prezzi delle case”, ha affermato la portavoce.

Secondo gli ultimi dati pubblicati due settimane fa dal Bureau of Labor Statistics (BLS), l’inflazione annua è scesa per la terza volta consecutiva a settembre e ha raggiunto l’8,2%, nonostante l’aumento dei prezzi al consumo di quattro decimi di mese.

READ  Il nuovo chip per il mining di Bitcoin di Intel, Blockscale ASIC, arriverà imminentemente

Questi dati mostrano, per ora, che la serie di rialzi dei tassi di interesse attuati dalla Fed a partire da marzo mancano ancora dell’effetto desiderato sui tassi.

L’economista Richard Roberts, professore alla Monmouth University ed ex direttore esecutivo della Federal Reserve, ha osservato che, sebbene “cominci a emergere un leggero rallentamento dei consumi, i consumatori sono ancora in grado di vivere dei propri risparmi” e, di conseguenza, i prezzi sono aumentati. non sono caduti come volevano. distanza.

“Mentre la Fed continua a inasprire la politica, inizieremo a vedere un allentamento delle pressioni inflazionistiche e i prezzi dovrebbero scendere”, ha aggiunto.

A suo avviso, la riserva continuerà ad aumentare i tassi di interesse nei prossimi mesi “prima di rallentare i suoi rialzi, fino a raggiungere un tasso del 5% nella prima metà del prossimo anno”.

L’esperto ha aggiunto che la Fed “deve stare attenta” con i rialzi “per evitare di spingere l’economia in una recessione”, che potrebbe arrivare “durante la seconda metà del 2023”, anche se non sarà né “profonda né lunga”. EFE

bim-jdg / sì

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.