Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Precisione millimetrica delle eclissi satellitari

Precisione millimetrica delle eclissi satellitari

Al di là di questi recenti traguardi, le aziende spagnole si distinguono da tempo nel settore. È il caso dell'azienda basca Siner Group, che ha iniziato nel campo dell'ingegneria navale ed è oggi il principale appaltatore della prima vera e propria missione satellitare dell'ESA effettuata da un'azienda spagnola. Stiamo parlando di Proba-3, che viene descritta come una “missione impossibile”: Due satelliti “gemelli” voleranno nello spazio con precisione millimetrica. Uno di loro sarà responsabile della creazione di un'eclissi artificiale, che coprirà il campo della stella reale, in modo che l'altro possa registrare e studiare in dettaglio la corona che la circonda.

Sener, che ha già partecipato a missioni spaziali come il rover Perseverance, si trova ora ad affrontare questa fase Terminare il progetto, verificare che il software di volo funzioni correttamente e finalizzare le operazioni di pre-lancio. Se non si presenteranno nuovi intoppi, verrà implementato Nel settembre 2024, a bordo di un razzo PSLV proveniente dall'India.

Passi finali

Nel 2014, l'azienda con sede a Getxo è stata nominata appaltatore principale per l'innovativo progetto Proba-3 Un consorzio di oltre 29 aziende provenienti da 17 paesi A cui partecipano anche Redwire Space, Airbus, GMV Space and Defense e Spacebel. Il viaggio è stato lungo e non privo di ostacoli, con il 2020 inizialmente proposto come anno di lancio. Ora, quattro anni dopo, Senner e i tecnici dell’ESA affrontano la fase finale prima che i satelliti raggiungano l’orbita.

In comunicato stampaCome dimostrato dall'Agenzia spaziale europea Visita del team scientifico della missione alle strutture Redwire ad Anversa (Belgio). Lì si trovano attualmente i due satelliti che studieranno la corona solare, la misteriosa regione responsabile di massicci processi di emissione che possono influenzare le comunicazioni sulla Terra e il vento solare. I visitatori saranno i primi a testare alcuni strumenti della missione prima del lancio, durante l'eclissi solare che potrà essere osservata dagli Stati Uniti l'8 aprile.

READ  GTA: The Trilogy The Definitive Edition arriverà in formato fisico l'11 febbraio

Uno dei satelliti Proba-3 presso le strutture Redwire

Quale

Omicrono

Le sue prime impressioni non potrebbero essere più positive. “Il concetto di missione è unico: Posiziona un occultatore a 150 metri dal telescopio per ottenere immagini molto vicine al bordo del Sole “È qualcosa che non è mai successo prima”, ha spiegato Russell Howard del Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University, “come se la navicella spaziale Octalter fosse una piccola luna. Non vedremo così vicino al lembo solare come facevamo durante la luna. ” Eclissi terrestre, ma avere questo tipo di immagine a disposizione per ore e ore, rispetto alla durata di 5-10 minuti dell'eclissi, sarebbe sorprendente.

Oltre a studiare il Sole, si tratta di verificare la capacità di realizzare una coreografia complessa e precisa tra due satelliti. Facilita Aperture più grandi e lunghezze focali più lunghe per i futuri telescopi spaziali. Quindi, l'obiettivo di Coronagraph e Occulter manterranno indipendentemente la configurazione con una precisione di pochi millimetri e secondi d'arco a distanze di 144 metri o più per sei ore consecutive per formare un gigantesco satellite virtuale.

[El año clave para SpaceX: lanzamientos cada 2 días, el despegue de Starship y Starlink directo al móvil]

Entrambi i satelliti, basati sulla piattaforma Proba standard della NASA, sono molto simili, ma presentano alcune differenze fondamentali. Il Coronagraph, che pesa 340 kg, è alimentato da pannelli solari dispiegabili e Include una ghirlanda che punterà verso il sole. Ha un sistema GNC (Guida, Navigazione e Controllo) con quattro ruote di reazione, due giroscopi a tre assi, un inseguitore stellare a tre punte, sei sensori solari e due ricevitori GPS. Inoltre, dispone di monocotteri per poter eseguire grandi manovre, come ottenere la formazione quando si entra nell'arco di apogeo e rompere la formazione alla fine.

READ  WhatsApp: come si determina quale chat occupa più spazio sul telefono? | WPP | trucco | Androide | iPhone | Tutorial

Da parte sua, l'Occultore, con i suoi 200 kg, è leggermente più piccolo La sua funzione principale è quella di bloccare il sole in modo che il coronografo possa effettuare le sue misurazioniGrazie ad un disco mascheratore del diametro di 1400 mm. Dispone inoltre di un pannello solare e di un sistema CNG molto simili a quelli di altri satelliti, nonché di sensori di misurazione ottici.

Entrambi i satelliti verranno lanciati in un'orbita altamente ellittica. A più di 60mila chilometri dalla Terra e con un'inclinazione di 59 gradi. Una volta completata la dimostrazione per evitare la collisione, i due veicoli spaziali inizieranno le manovre di volo in formazione e le osservazioni scientifiche dell'atmosfera che circonda il sole.

Poiché il consumo di carburante sarebbe eccessivo per mantenere la configurazione su tutta l'orbita, Il tempo massimo di monitoraggio è limitato a 6 oreMentre durante il resto dell'orbita sono in sicura deriva negativa. I responsabili di Proba-3 sono un vero e proprio laboratorio spaziale, progettato per testare e validare strategie di guida, algoritmi di navigazione e controllo e tutti i tipi di operazioni di acquisizione, rendezvous e convergenza. Si tratta di passaggi essenziali per le missioni future, come il ritorno di campioni da Marte o la rimozione dei satelliti dall’orbita terrestre bassa.

Dispositivi straordinari

Anche Joe Zindler, uno degli scienziati responsabili della missione Proba-3, è rimasto sorpreso da ciò che ha visto nel quartier generale di Redwire. “Gli strumenti satellitari erano uno spettacolo affascinante da vicino e hanno attirato particolarmente la mia attenzione Quanto è vicina la testa della telecamera della sonda Coronagraph al sistema solare“A meno di un metro di distanza.”

READ  La scoperta di scienziati argentini e spagnoli rivoluziona il modello delle giovani stelle

Non è un dettaglio da poco, visto che si tratta di due strumenti che fanno affidamento su condizioni opposte: se il primo richiede la completa oscurità, il secondo richiede una significativa illuminazione solare per far funzionare la navicella. È uno degli elementi che lo dimostrano La straordinaria precisione di cui un occultatore ha bisogno per bloccare la luce solarein modo che non influisca sullo scatto della foto.

Ricostruzione dei due satelliti Proba-3 con la Terra sullo sfondo

Ricostruzione dei due satelliti Proba-3 con la Terra sullo sfondo

Quale

Omicrono

Una volta completata la visita alle strutture Redwire, il team si è recato a Bruxelles per lavorare presso l'Osservatorio Reale del Belgio. Lì, questo gruppo si è formato prima 45 fisici solari da tutto il mondo Ha analizzato i preparativi della missione e valutato le straordinarie opportunità offerte da Proba-3 rispetto ad altri coronografi esistenti.

Sono stati inoltre definiti i dettagli dell'osservazione che verrà effettuata per l'eclissi solare dell'8 aprile. Questo è ciò che useranno Stesso set di ruote portafiltri del Proba-3Ciò consentirà di osservare la corona a diversi angoli di polarizzazione, “come se si stessero cambiando gli occhiali da sole polarizzati”, ha detto Zindler.

Potrebbe piacerti anche: