Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Premier League: ecco come Eddie Howe intende salvare il milionario di Newcastle

Il milionario di Newcastle e il suo fantastico progetto vacillano. Nessuna vittoria in 11 round e penultimo in prime, cinque punti di riscattoLa continuità è diventata l’obiettivo primario dei nuovi proprietari sauditi, che a ottobre hanno acquisito l’80% del club per 300 milioni di euro. Gli ambiziosi piani del Saudi Public Investment Fund, che possiede più di 400.000 chilogrammi di beni e, come la maggior parte delle aziende del Paese, è sotto l’ombrello della famiglia reale del principe ereditario Mohammed bin Salman, la cui fortuna supera i 380.000 chilogrammi. Milioni, ora sono fuori produzione.

“Il raggiungimento dei titoli richiede investimenti, pazienza e tempo… Vogliamo essere al top, vincere il campionato e lo faremo”, ha affermato Amanda Staveley, presidente di PCB Capital Partners che possiede il 10% del team. Alcuni sogni, per ora, sono in “attesa”. Il direttore del consiglio prende tutte le decisioni con Mehrdad Qudoussi (PCP e suo marito) e Jimmy Reuben (RB Sports & Media), anche se hanno l’ultima parola in Medio Oriente. in questa trasformazione, Dì addio a Steve Bruce Questo è stato il primo passo nella gestione di una squadra che non ha, di fatto, un direttore sportivo. In attesa che si apra il mercato e che possano tirare il libretto degli assegni (possono spendere fino a 200 milioni senza sballare FFP, ma non sembrano superare i 60) è stato affidato a Eddie Howe fuori dalla palude.

“Sono abbastanza sicuro che possiamo salvarci, ma non prometto nulla. Darò il 100% per portare il Newcastle al successo”.Il tecnico inglese ha ammesso dopo aver firmato per “Oracas” fino al 2024. “In questo momento parliamo di breve termine e di posizione della squadra. Ovviamente dobbiamo affrontare questo problema e andare avanti ed evitare la retrocessione. La visione ambiziosa è quelli che abbiamo dal club e dagli acquisti. Mi ha impressionato, ma non siamo andati in profondità “, ha detto Hao. Il suo arrivo ha lo scopo di dare una spinta al Newcastle, che non ha vinto tutta la stagione. Alan Shearer ha spiegato: “Conosce il campionato e sa lavorare con le squadre della zona bassa. Comprende il PM e sa che siamo una grande squadra. Verrà con rinnovata energia. È un acquisto intelligente”. “BBC”.

Ho imparato da Iraola e Simeone

Howe, senza una squadra da quando ha lasciato Bournemouth nell’agosto 2020, ha avuto un anno di pausa e ha ricaricato: “Ho avuto tante offerte, ma volevo prendermi il mio tempo e usarlo al di fuori del calcio. Mi sento fresco, pieno di energia e pronto per andare al lavoro.. Volevo tornare in panchina in una squadra che mi motivasse, non solo tornare. E in questo processo educativo, secondo The Athletic, l’inglese ha visitato Madrid a Madrid. Simeone e Iraola per studiare i metodi dell’allenatore dell’Atletico Madrid e del Rayo Vallecano. Era anche a Melwood con Klopp… come lo era prima di approfondire il consiglio dopo i suoi colloqui con Rodgers, Wenger, Sarri…

L’allontanamento mi ha permesso di riavviare, ricaricare e rieducare me stesso. Ho fatto grandi viaggi e ho trascorso del tempo con la mia famiglia. Mi sento un allenatore migliore di prima

Eddie Howe, allenatore del Newcastle

Uscendo dalla sua zona di comfort a Newcastle, Howe ha dichiarato: “Il passo indietro mi ha permesso di ripartire, ricaricarmi e rieducare me stesso. Ho fatto grandi viaggi e tempo con la mia famiglia. Mi sento un allenatore migliore di quello che ero. .” . Nel 2008, a soli 31 anni, l’inglese ha preso le redini del Bournemouth in seconda (quarta) lega. Il club è fallito ed è stato penalizzato di -17 punti. La permanenza e il ciclo successivo ottennero la promozione in League One (terza) prima di partire per il Burnley Championship (seconda). Non ha radicato a Turf Moor ed è tornato a Bournemouth per portarlo in Premier League per la prima volta nella loro storia.

“Ha tirato fuori il meglio di noi e ha creato la mentalità vincente nel club”, ha osservato Andrew Surman su Athletic. La squadra del sud dell’Inghilterra è sopravvissuta per quattro stagioni nell’élite sotto di lui… ma ha perso contro il campionato nel 2019-20. Il momento in cui Howe ha deciso di lasciare il controllo a una squadra: formazione, acquisti… il primo ministro. “Le cose che circondano questo lavoro lo rendono diverso. La pressione sarebbe grande, ma mi sono sempre aspettato molto da me stesso”.ha detto l’allenatore che pensa al calcio di 24 ore, ma non è stato messo alla prova al di fuori del suo ambiente.

Scommetti sul calcio offensivo

Il Newcastle cercava un tecnico che “giochi un calcio bello, attraente e offensivo” e ha scelto, dopo una lunga esperienza di Paulo Fonseca, Unai Emery… per l’ex Bournemouth. “Le squadre di Howe sono note per il gioco molto offensivo e aggressivo. La sua tattica si basava spesso sul possesso palla con l’obiettivo di premere alto per creare più occasioni da gol possibili”, come spiega La voce dell’allenatore a proposito della sua tecnica. Attacco determinato dal calcio e controllo ‘Cherry’: sono stati il ​​settimo più registi, dopo ‘Big Six’, nel 2016-2017 (55 gol) e nel 2018-19 (56) il possesso di palla medio è stato del 51% nelle sue prime due stagioni di Premier League. I 13 che ha giocato a Bournemouth: 59 utilizzati, 5-4-1 provvisorio Graeme Jones ha scelto di segnare in Date.

Il Bournemouth ha sempre cercato di giocare in modo coraggioso e offensivo. Non verrò a Newcastle e farò qualcosa che non ho mai fatto prima. Nel tempo vedrai dei cambiamenti. Voglio che il nostro stile entusiasmi la folla. La sfida è enorme

Eddie Howe, allenatore del Newcastle

“Il Bournemouth ha sempre cercato di giocare con coraggio e attacco. Non andrei a Newcastle e non farei qualcosa che non ho mai fatto prima. Col tempo i cambiamenti appariranno. Voglio che il nostro stile entusiasmi i tifosi. La sfida è enorme”. Howe dichiarato. Orakas ha segnato a malapena 12 gol in 11 round e ha subito 24 gol! Sono i secondi che ha ricevuto di più dopo il piè di Norwich (26). Inoltre, sono la squadra con l’acquisizione media di PM più bassa (37,25%). Erano l’opposto di quello che Howe vuole recuperare per tutto quello che dà (il “Cherry” ha segnato tra i 70 ei 61 gol a stagione nei suoi cinque anni in Premier League) con la loro potenza offensiva. Hanno dominato la regione rivale prima della loro. Un piano in cui Wilson, che gli aveva dato le ali al Vitality Stadium, St. Maximin, Almern, Willock e Joelinton… ora si adatta perfettamente. Il pragmatismo e il conservatorismo cronico delle recenti campagne di Bruce stanno lasciando il posto a un calcio più offensivo, fresco e proattivo. Howe sta cercando Newcastle per essere il protagonista. Al suo esordio contro il Brentford appariranno già le prime linee principali. Inizia la presentazione.

READ  Cuba ha regalato un bronzo al Messico nella Norsica de Volley