Maggio 20, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prezzi equi: negoziano un aumento medio del 25% su TV, cellulari, elettrodomestici e condizionatori

Prezzi equi: negoziano un aumento medio del 25% su TV, cellulari, elettrodomestici e condizionatori

Dopo la svalutazione, i prezzi dei prodotti elettronici sono aumentati tra il 20% e il 30%; Il settore sta cercando di convalidare questi aumenti nel nuovo accordo fino a ottobre, in fase di negoziazione con il governo

Nel mezzo delle tese trattative condotte dalle aziende di consumo di massa con il governo a causa degli adeguamenti dei prezzi autorizzati (5% al ​​mese) e della necessità di aumentarli ulteriormente dopo la svalutazione, il Ministero del Commercio avanza parallelamente nelle discussioni con altri partiti . Settori che devono anche rinegoziare la linea guida per l’aumento fino alla fine di ottobre, che è il nuovo principio fissato dalle autorità per il calendario elettorale.

Ci sono molti articoli che hanno firmato un blocco dei prezzi dal 31 maggio tramite PASO, compresa l’elettronica. Le filiali dell’Associazione delle fabbriche elettroniche periferiche argentine (Afarte) avevano promesso di mantenere i prezzi dei prodotti che producono fino al 15 agosto, ma dopo tale termine e con una svalutazione del 18% già in vigore, gli aumenti non tarderanno. Ci vuole molto tempo per raggiungere le catene di vendita al dettaglio e i negozi online di ciascuna azienda. In molti casi gli aumenti sono arrivati ​​al 30%. D’altra parte, all’aumento del dollaro si aggiunge la tassa del 7,5% imposta sulle importazioni di beni, che colpisce direttamente anche il settore, che dipende fortemente dagli acquisti dall’estero.

La stessa cosa è accaduta con i settori alimentare, articoli per la pulizia e l’igiene, che stavano già preparando liste di aumenti e che sono aumentati ancora di più dopo la svalutazione della moneta del 14 agosto. Hanno inviato aumenti tra il 15% e il 25%, ma nelle grandi catene sono stati applicati solo dopo aver ottenuto l’approvazione ufficiale, che non è mai arrivata. A differenza di altri settori che hanno aumentato i prezzi e sono stati successivamente richiamati dal commercio, il governo ha consentito alle aziende di consumo di massa di adeguare i prezzi solo del 5% al ​​mese. E anche se hanno obbedito (non hanno altra scelta), stanno esercitando un’enorme pressione su di loro affinché facciano qualche aumento extra. Finora non hanno ancora firmato l’accordo. Né il decreto prometteva di concedere loro benefici fiscali a titolo di compensazione.

Il Ministro del Commercio sta procedendo nei negoziati con tutti i settori

Nel caso dell’Ifarti l’invito alla trattativa è arrivato dopo l’aumento dei prezzi. Tuttavia, le richieste ufficiali di annullare gli aumenti sono frequenti, portando l’industria ad attenersi a una proposta per un aumento medio del 25%, che le aziende hanno incassato dopo la svalutazione, hanno detto fonti del settore. “Il ritardo dal 31 maggio ha raggiunto il 45%, poiché alla tassa del 7,5% si è aggiunta la svalutazione e poi l’ondata dei mesi di congelamento (giugno-luglio e metà agosto). La fonte ha spiegato che la proposta che gli è stata presentata, e che sarà concordata, prevede un aumento dei prezzi del 25%, a partire dal 31 luglio e fino al 31 ottobre. Questo accordo regolerà i condizionatori, i televisori e i telefoni cellulari, i tre principali prodotti fabbricati nella Terra del Fuoco.

Inoltre, il settore chiede il mantenimento del programma Ahora 12, che permette di aumentare le vendite nonostante l’aumento dei tassi di interesse, il rispetto da parte del governo di una licenza di importazione (SIRA) – su cui questo prodotto fa molto affidamento – e l’accesso a un mercato di libero scambio (Mulc). ) per effettuare pagamenti per tali acquisti all’estero, quando scadono i permessi.

Esistono requisiti ufficiali per invertire l’aumento dei prodotti elettronici, cosa che ha spinto l’industria a persistere nella proposta di un aumento del 25% in media, avanzata dalle aziende dopo la svalutazione della moneta.

Di fronte alla situazione sempre più critica delle riserve BCRA, il governo non è più in grado di offrire carote per il rapido rilascio delle riserve SIRA se aderisce all’accordo tariffario. Aveva promesso lo stesso nel precedente rinnovo del prezzo equo e non è riuscito a mantenerlo. Il sollievo di oggi è l’approvazione di 7,5 miliardi di dollari da parte del Fondo monetario internazionale, che possono essere utilizzati in parte per i pagamenti delle importazioni.

Altri settori che hanno dovuto congelare i prezzi a partire dal 31 maggio sono stati le calzature sportive, l’abbigliamento, gli elettrodomestici, le biciclette e le moto. Nei primi due casi, il governo ha consentito loro di aumentare i prezzi del 12% in agosto e del 5-6% tra settembre e ottobre. Nel caso dell’abbigliamento, secondo fonti del settore, il governo ha consentito di aumentare qualche punto in più rispetto al resto perché “i prezzi della merce sono aumentati meno dell’inflazione, non solo nei primi sette mesi dell’anno ma anche nella misurazione annuale.” Nel confronto tra gennaio e luglio, rispetto all’indice dei prezzi al consumo, aumentato del 60,2%, l’abbigliamento e le calzature sono aumentati del 49%, mentre negli ultimi 12 mesi, mentre l’inflazione generale ha raggiunto il 113,4%, il tasso di inflazione settoriale ha raggiunto il 110,3. %.

READ  L'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico alza le sue previsioni per la crescita economica globale, anche se mette in guardia sulla fragilità

Continuare a leggere:

Vantaggio per le PMI: come utilizzare parte dell’importo pagato per la “tassa sugli assegni” per coprire gli onorari dei datori di lavoro
Carenza di valuta estera: senza la Cina, l’Argentina avrebbe registrato un surplus commerciale a luglio