Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prima partita di Iglesias con la Spagna e non vede l’ora di entrare in Coppa del Mondo

Borja Iglesias aspettava questo momento da molto tempo.

L’attaccante del Real Betis spera di fare il suo debutto in nazionale all’età di 29 anni quando la Spagna ospiterà la Svizzera nella Nations League sabato a Saragozza.

Iglesias potrebbe anche avere un’altra possibilità in una seconda partita per restituire la fiducia che l’allenatore Luis Enrique ha riposto in lui quando la Spagna visiterà il Portogallo martedì, e quella potrebbe essere una resa dei conti per un biglietto per la finale.

Se riuscirà a impressionare l’allenatore, Iglesias potrebbe entrare a far parte della rosa spagnola della Coppa del Mondo a novembre.

Niente male per l’attaccante, che è diventato un giocatore regolare della prima squadra fino all’età di 25 anni, quando ha brillato all’Espanyol prima di trasferirsi al Betis nel 2019.

Iglesias è stato determinante nel porre fine all’attesa di 17 anni del Betis per un titolo importante la scorsa stagione quando ha vinto la Coppa del Re. Il suo gol in più nella semifinale di ritorno contro il Rayo Vallecano ha portato il Betis in finale, poiché Iglesias ha segnato il gol della sua squadra nei tempi regolamentari prima che il Betis battesse il Valencia ai rigori.

Continua a stupire con questa campagna. I suoi sei gol in molte partite sono arrivati ​​​​al secondo posto dopo gli otto gol dell’attaccante del Barcellona Robert Lewandowski nel campionato spagnolo.

Ora, visti gli infortuni di Gerard Moreno e Mikel Oyarzabal, e la mancanza di tempo per giocare a Raul de Tomas, Iglesias ha la possibilità di giocare il Mondiale del Qatar.

Ma prima deve aiutare la Spagna nella Nations League, visto che il suo paese ha perso la finale contro la Francia l’anno scorso.

READ  Up & Down di Serie A: la classifica come le montagne russe

Iglesias ha detto che stava cercando di non pensare alla possibilità di andare ai Mondiali, quando Luis Enrique è andato vicino a prendere le sue ultime decisioni sui giocatori che avrebbe convocato dopo queste due partite della Nations League.

“Voglio godermi il momento, provare a contribuire e imparare. C’è ancora molta strada da fare per il Mondiale e ci sono molti giocatori che vogliono esserci. Ha assicurato che farò di tutto per aggiungere e essere una possibilità”.

Quando Luis Enrique ha aggiunto Iglesias alla sua rosa, ha detto che gli è piaciuto che l’attaccante abbia chiaramente apprezzato la partita.

“Cerco di divertirmi in campo, ringrazio il mister per averlo detto perché a volte nella mia carriera ci sono persone a cui non è piaciuto molto perché pensavano che non lo prendessi sul serio. Sono fortunato e tu devo godermi la vita in quel modo».

Iglesias, soprannominato “The Panda”, ha dimostrato di poter eccellere come unico attaccante nell’Espanyol difensivo o come attaccante liscio nell’attacco di Manuel Pellegrini al Betis.

La Spagna guida il Gruppo A2 della Società delle Nazioni con otto punti, un punto dietro il Portogallo, a due partite dalla fine. I cechi sono al terzo posto con quattro punti. La Svizzera è in fondo con tre.

La Spagna può assicurarsi il primo posto nel girone se sabato batte la Svizzera e il Portogallo perde contro la Repubblica Ceca. In caso contrario, i vicini iberici decideranno quale squadra avanzerà come capogruppo quando si incontreranno martedì a Braga.

Le quattro vincitrici di ogni girone di massimo livello accedono alla finale prevista per metà giugno.