Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Primo governo di estrema destra in Italia dopo Mussolini

Mostra di più


Mostra meno

L’Italia domenica ha voltato una pagina nella sua storia alla coalizione di estrema destra guidata da Giorgia Meloni, la cui lunga storia di attacchi all’UE, minoranze e migranti ha sollevato preoccupazioni in Occidente. C’è la storia di Iacopo Luzi.

Domenica gli elettori italiani hanno infranto diversi precedenti, sostenendo i partiti che ora formano il governo di estrema destra di Benito Mussolini, il suo leader dalla caduta del fascismo nel 1945.

Un governo guidato per la prima volta da una donna: Georgia Meloni, con una lunga storia di attacchi contro l’Ue e gli immigrati e una forte difesa della famiglia tradizionale, ha sollevato preoccupazioni sulla credibilità del Paese. Alleanza occidentale.

Di fronte al più alto tasso di astensione della storia, solo il 63% di affluenza alle urne e una sinistra profondamente divisa incapace di affrontare la coalizione di destra in contrazione, Meloni ei suoi alleati hanno vinto le elezioni con solo il 44% dei voti.

Meloni è un forte sostenitore dell’Ucraina, ma i suoi alleati ammirano profondamente il presidente Vladimir Putin e hanno criticato le sanzioni economiche contro la Russia. Secondo l’analista Diego Battistessa, il sostegno dell’Italia all’atlantismo è indiscutibile, ma l’importanza dell’Italia può essere sottovalutata.

I governi italiani sono durati in media 400 giorni negli ultimi anni, l’ultimo è stato Mario Draghi, che ha contribuito a guidare la forte risposta dell’Europa alla Russia.

Ma senza la necessità di stringere alleanze con l’opposizione, la coalizione di Maloney può governare con stabilità a lungo.

Le sfide che i mercati dovranno affrontare saranno molte per il nuovo governo, soprattutto a livello economico.

READ  L'Italia parte con 3 barche di emigranti, il 4° va in Corsica