Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prinsa Latina è stata la guida di Fidel Castro a Panama (+ foto)

Scritto da Nuba Bekiras Grosso. Foto: Osvaldo Rodriguez

Ex corrispondenti di Prensa Latina a Panama

Questa affermazione è stata confermata dal fondatore di questa agenzia corrispondente nel paese centroamericano, che ha avuto l’opportunità durante un volo per l’Avana di parlare per 45 minuti con il leader cubano sui gradini dell’aereo, prima di partire per Mosca, in Russia, per partecipare alla Conferenza Mondiale della Pace.

Abbiamo parlato di cucina e costumi istmici e gli ho anche detto che avevo incontrato suo fratello Ramon durante una visita a Valle de Picadora (provincia occidentale di Mayapeque), ma è stato enfatico quando ha capito che Prensa Latina (PL) era la sua guida per la scoperta e la spiegazione del fenomeno panamense, ha raccontato l’attuale direttore di Baiano Digital.

Durante un incontro tre anni fa con i fondatori di PLPanamá, tra gli altri partecipanti, Carrasco ha sottolineato che sin dalla sua comparsa nell’istmo all’inizio degli anni ’70, questo ufficio ha avuto molteplici funzioni in assenza di un’ambasciata sull’isola. antillano.

In questo senso, ha osservato che Norberto Hernandez Curbelo, l’ex ambasciatore cubano in Venezuela, un giorno è arrivato all’edificio di PL con una scatola di ferro, contenente il film Il padrino, che avrebbe poi inviato nell’isola caraibica.

“L’ufficio è stato istituito con Archiles Morales (1940-1988) a capo, e ogni giorno abbiamo ricevuto minacce scritte male, a cui ha sempre risposto che gli errori di ortografia non potevano farci male”, ricorda ridendo.

Ha osservato che “data questa situazione, Arqueles ha deciso di organizzare sabati culturali nel pomeriggio, un’iniziativa che alla fine è stata accettata dai colleghi di altri media”.

READ  Stanno preparando un documentario sul cantautore cubano Pablo Milanes

Ha detto che l’apertura di PLPanamá è stata anche circondata da storie umoristiche, come il momento in cui stavano per pagare una grossa somma di elettricità come punizione per aver bruciato il contatore dell’elettricità.

Ma la cosa più importante, ha detto, è l’importanza della Prinsa Latina in America Latina e il suo riconoscimento da parte del generale Omar Torrijos (1929-1981), mentre questa agenzia ha contribuito alla diffusione della causa panamense e del movimento Laon. – I paesi di origine, il pregiudizio, soprattutto durante i due vertici tenuti in Algeria e Sri Lanka.

Carrasco ha osservato che in entrambi i casi, dove altre agenzie non avevano una reale rappresentanza, si è distinta PL, grazie alla quale la nostra lotta ha assunto una dimensione importante, che ha messo in luce il ruolo di questa testata giornalistica nella fase della battaglia per salvare il popolo . canale interoceanico.

“Quando ho lasciato Prensa Latina ho iniziato a lavorare a Radio Libertad per rafforzare lo staff su richiesta dei Torrijos. A quel tempo, ha iniziato a trasmettere questa stazione con l’inno del 26 luglio dicendo: A Cuba sempre 26”, ha detto.

“La gente non lo ricorda, ma la decisione di Torrijos è stata quella di fare pressione sui negoziati sul canale”, ha osservato.

A questo proposito, il giornalista cileno Rolando Gabrielli, già corrispondente a Panama, ha confermato che l’Agenzia d’informazione latinoamericana in quel periodo ha formulato una serie di concetti unici come l’estensione territoriale dell’area del canale: 1432,2 chilometri quadrati.

“Prensa Latina è stata molto meticolosa e metodica quando si trattava di generalizzare questioni che le persone non capivano, tra cui la dimensione dell’area del canale, che è più grande di Panama City” (275 chilometri quadrati di superficie), nello specifico.

READ  Messico: che questo sia l'ultimo vertice per discutere dell'embargo contro Cuba

A tal proposito, il sociologo Marco Gandasegui (1943-2020) ha affermato che una delle cose a cui questo medium ha contribuito non è stata quella di abbassare la guardia nella lotta generazionale di Panama per la propria sovranità e dignità.

Stampa latina, penna guerrigliera

All’incontro, il giornalista e uno degli scrittori del dipartimento aziendale dal 2018 fino alla sua morte hanno fatto luce sulla storia, la vita e la politica globale dell’agenzia fondata dagli argentini Ernesto “Che” Guevara e Jorge Ricardo Massetti il ​​16 giugno 1959 all’Avana , Cuba.

“Per me è stato scioccante leggere a Prensa Latina quando Fidel ha deciso di sostenere la lotta per l’indipendenza della Namibia e la difesa della sovranità dell’Angola. Era come leggere la fantascienza da un altro pianeta.

“Come partono 80.000 soldati per l’Africa da un’isola di 10 milioni di persone per combattere l’invasione sudafricana, che ha un esercito molto professionale e tecnico?”, ha chiesto.

E c’era Prensa Latina, ai piedi della valle, non come un giornalista gringo venuto a Panama per seguire eventi come il 9 gennaio 1964 ed è entrato nel bar dell’hotel El Panama.

“Da lì hanno ricevuto notizie dalle loro spie e informatori su ciò che era accaduto durante quei quattro giorni di combattimenti, e quindi hanno inviato le loro notizie negli Stati Uniti completamente distorte.

“La prova è che gli aggressori eravamo noi e che i poveri soldati Gringo non sapevano cosa fare o dove nascondersi, perché i panamensi tiravano loro pietre. Però con le loro mitragliatrici e carri armati non sapevano cosa fare”, ricorda il professore universitario.

Ha notato che il suo primo contatto con Prensa Latina risale al 1961 quando era studente all’Università del Cile. Quell’anno ha incontrato il giornalista Hernán Uribe Ortega (1925-2019), che allora era un collaboratore di quel gruppo.

READ  Pulpito dell'Avana

Due anni dopo stringe una stretta amicizia con Elmo Catalán, giornalista che ha lavorato per giornali e riviste alternative cileni, e che ha contribuito a Prensa Latina fino alla sua morte nel 1965, in Bolivia, durante uno scontro armato tra un gruppo di guerriglie e l’esercito al momento. nazione.

“Quello che mi ha sempre colpito dei giornalisti di Prensa Latina, prima e giornalisti di oggi, è che sono tutti, nessuno escluso, guerriglieri, perché non vogliono seguire la tradizione.

“I giornalisti di Prensa Latina creano il proprio stile di lavoro ogni volta che incontrano un problema, perché tutte le notizie sono un problema.

“Tutte le notizie sono una sfida, oltre a ciò che lo spiega, dove verranno seguite le vicende, perché le notizie non muoiono mai, saranno sempre di interesse pubblico e avranno una sfumatura politica”, ha detto.

arp/npg