Maggio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Project Starline, il progetto di Google che rende più realistiche le videoconferenze di EFE

Project Starline, il progetto di Google che rende più realistiche le videoconferenze di EFE

©Reuters. Project Starline, il progetto di Google che rende più realistiche le videoconferenze

Sarah Yanez Richards

Mountain View (USA), 13 maggio (.). – Il nuovo prototipo di Google (NASDAQ 🙂 è una “finestra magica” che consente alle persone, con l’aiuto dell’intelligenza artificiale (AI), di comunicare in videoconferenza, di trovarsi nella stessa stanza, perché sebbene si vedano sullo schermo, saranno apprezzati a grandezza naturale, con dimensioni e profondità.

Questa è l’ambiziosa descrizione che Andrew Nartker, co-fondatore e amministratore delegato di Project Starline, ha fornito del nuovo prototipo di Google, in un commento a EFE.

Nartker e il suo team lavorano su questa tecnologia in Google da circa sette anni e questa settimana hanno presentato il loro prototipo ad alcuni media, nell’ambito dell’evento per sviluppatori Google I/O, che si è tenuto presso il campus del colosso tecnologico della Silicon Valley.

Utilizzare l’ultimo modello per la videoconferenza è come guardare un film in 3D, ma senza alcun tipo di occhiali, in quanto sembra che l’altra persona possa uscire dallo schermo e persino passare le cose. Tutto questo in tempo reale.

“È uno schermo grande, molto piatto. Ma puoi vedermi come se non fossi piatto. Sono appena saltato fuori dallo schermo”, spiega Nartker.

“Quindi, come lo facciamo? È un display a campo luminoso e il monitor sa dove stai guardando perché rileva dove si trova ciascuno dei tuoi occhi. Mostra un’immagine diversa a ciascun occhio. È così che ottieni l’effetto 3D, ” lui spiega.

Intorno allo schermo ci sono telecamere a colori che acquisiscono immagini bidimensionali, che vengono elaborate. Il modello AI crea quindi il “colore e la trama” e dopo che l’immagine è stata inviata a Internet, lo schermo del ricevitore converte l’immagine in 3D.

READ  Intelligenza artificiale per descrivere ai non vedenti tutto ciò che la telecamera cattura

“Deve essere assolutamente accurato e deve avvenire quasi immediatamente perché eventuali ritardi inizieranno a manifestarsi”, ha aggiunto.

Nartker ha affermato che “costruire questi sistemi non è molto complicato” e che “molte aziende possono abilitarlo”, ma non ha detto quanto costerebbe a un’azienda oa un individuo implementare un tale sistema.

Al momento è un prototipo, ma lo stanno già testando in diverse aziende, come T Mobile e WeWork.

Jason Lawrence, co-fondatore del progetto e direttore del team di ricerca del progetto Starline, ha dichiarato a EFE che questo tipo di incontro può essere “più efficace” di una videoconferenza 2D.

“Ci sono segni, come cenni della testa, gesti delle mani o battiti di ciglia, che indicano dinamiche di riunione efficaci. E uno studio ha scoperto che c’era molto più di questo tipo di attività in una Starline che in una riunione di tipo 2D”, ha concluso Lawrence.

(foto) (video)