Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pugilato: Pacquiao ha già parlato di vendetta su Augs: ‘Era uno dei miei concorrenti più facili’

aggiornato

25/08/2021 –
18:26

unAnche se ancora non osava dare nulla per scontato, Manny Pacquiao parla del suo futuro nel pugilato giorni dopo Sconfitta da Jordenis Augs per decisione unanime. Il filippino ha sofferto sul ring e la verità è che quando il combattimento è finito, Pac-Man sembrava aver passato un carro armato sopra la sua testa, dopo aver assorbito molti pugni e una potente mano destra – sul viso e sul corpo – del suo avversario.

Mane non sembrava mai in grado di vincere la battaglia, I suoi attacchi erano sterili E quelli di Ug, i più selettivi, erano più potenti. Una persona di Santiago de Cuba colpisce sempre nel segno. Il giorno dopo il combattimento, Pacquiao ha avuto problemi agli occhi.

Pacquiao ha affermato che le sue gambe si sono contratte “nel secondo o terzo round”, permettendogli a malapena di muoversi, anche al di sotto della sua velocità abituale. Giorni dopo, ha iniziato a valutare la rivincita.

Pac-Man Ha Dishu atletica leggera: “Sì, posso tornare a gennaio. Guarda. So che posso ottenere una rivincita se voglio. Devo solo dirlo all’Haimon. “Non sarebbe un problema”, ha commentato il senatore filippino. Ma Mane osò dire: “Ci sto pensando perché non riesco a credere che uno degli avversari più facili che abbia mai affrontato lo abbia fatto”..

Il campione a otto squadre ha aggiunto a proposito di Ugs: “Durante la mia carriera, gli Ugs sono stati uno dei concorrenti più facili da avere. Avevo solo una tecnica e avrei dovuto essere in grado di allontanarmi facilmente dai suoi attacchi. Ho visto come mi sono mosso nelle mie battaglie precedenti e non potevo muovermi in questa. Le mie gambe si sono fermate e lui non avrebbe dovuto toccarmi”.

READ  F1 2021: Bottas giustifica la sua prestazione per mancanza di chiarezza sul suo futuro per il 2022

Senza una grande lotta, è bastato che Ugs fosse fedele al piano che aveva tracciato e lavorasse per lui dal primo all’ultimo round. Pacquiao potrebbe aver pagato il prezzo della sua inattività, ma il cubano, ovviamente, senza abbagliare il pubblico o sollevarlo dalle sue sedie, è stato più efficace.

Pacquiao, invece, nonostante i problemi fisici che potrebbe aver subito, Nemmeno io mi sembra di avere un piano B Non importa quante volte il Piano A ti ha portato al successo. Certo, solo Mane sa se è una brutta notte e se non perde davvero il fratello Con cui ha combattuto fino a poco tempo fa nonostante l’età. E la campagna elettorale nel suo Paese non partirà fino al prossimo febbraio, se finalmente si candiderà alla presidenza. Elezioni di maggio 2022.