Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Puncher campione d’Italia ma eguaglia il record della Spagna

L’Italia si è riunita ai propri tifosi 53 giorni dopo aver vinto l’Europeo a Wembley, ma non è riuscita a festeggiare il titolo ed è andata 1-1 contro la Bulgaria a Firenze. Il pareggio non impedirà ad Asura di evidenziare il Gruppo C nelle qualificazioni per la Coppa del Mondo 2022, dopotutto, ha permesso loro di pareggiare con un record di 35 partite consecutive senza perdere contro Brasile, 1993 e 1996 e Spagna. Tra il 2007, magazzino. 2009.

Roberto Mancini ha difeso l’unica squadra a vincere la finale di EuroCup con due novità: Alessandro Florence a destra, Giovanni de Lorenzo a destra e Francesco Acerby a destra per Giorgio Sillini.

Mancini, con due cambi dalla finale

Come previsto, l’Italia ha dominato completamente la partita e ha iniziato a tenere il gesso sulla destra per tradurre il controllo del gioco sul tabellone nella migliore giocata di Federico Cesa. L’esterno bianconero ha concluso la sua cavalcata con uno dei suoi classici stage paralleli al davanti dell’area e dietro un muro con il Ciro immobile, con preciso sinistro di sinistro (16′).

La destinazione non ha cambiato il paesaggio. L’Italia continua a monopolizzare il pallone contro un bulgaro. Nonostante Cesa abbia provato più volte a mettersi il pallone sotto i piedi con la sua bravura e velocità, l’immobile ha costretto solo Georgie ad intercettare un tiro-cross (36′) prima che Artemio Francis venisse sorpreso.

La Bulgaria sorprende allo sportello

La Bulgaria, praticamente la prima volta che si è presentata in attacco, ne ha pareggiato uno dopo che Despotov ha lasciato Firenze e il suo centro è stato deviato dritto in rete con un tocco preciso (39′).

READ  Scandalo in Uganda: centinaia di persone ricevono falsi vaccini COVID-19

L’Italia risponde bene e prima dell’intervallo Lorenzo in difesa pareggia su un lancio lungo di Leonardo Ponucci, ma Jorge calcia il cross di sinistro.

L’Italia si capovolge ma si schianta in Georgia

Nel secondo tempo, l’Italia ha continuato a vincere, spostando ulteriormente la Bulgaria muovendosi più velocemente e in modo più aggressivo, ma scontrandosi con Georgiev, molto motivato. Immobile è riuscito a battere il 32enne portiere senior di Chernobyl, ma un difensore senza angolo è stato facilmente evitato sotto i pali (49′).

Georgiev è determinato con una mano salva contro il tentativo di superare Cheese (62′) e Marco Verretti (73′) dietro il tallone.

Mancini ha spostato la panchina alla ricerca del ringiovanimento necessario per affrontare il muro bulgaro, ma l’ingresso di Dominico Ferrari e Giacomo Raspateri attraverso Insine e Immobile non ha dato all’Italia la lucidità delle idee per equilibrare la partita.

Svizzera-Italia domenica, chiave

Il campione d’Europa lascia la Svizzera 4 con 10 punti, ma ha due partite in meno e sarà la prossima rivale a Basilea domenica. Una partita che segna la fine del girone.