Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Putin vuole dettare le sue regole all’Occidente e ripristinare la Russia come potenza

(EFE). La Russia vuole imporre le sue regole del gioco ed essere vista di nuovo come una potenza, motivo per cui ricorre a linee rosse difficili da accettare dall’Occidente come il veto all’ingresso di nuovi membri nella NATO, il concentramento delle forze vicino all’Ucraina o l’utilizzo gas come mezzo di pressione.

presidente russo, Il presidente russo Vladimir Putin“A volte attacchi l’Occidente per divertimento ea volte la Russia ottiene lo stesso trattamento, ma questa volta il motivo è più complesso”, ha detto a EFE Alexander Buynov, un esperto del Carnegie Center di Mosca.

EE UU LLC Europa Sono in allerta per schierare 70-94mila soldati russi al confine con l’Ucraina e sono pronti, secondo l’Occidente, ad attaccare il Paese vicino all’inizio del 2022.

L’analista afferma che non c’è una nuova situazione della Guerra Fredda tra Russia e Occidente, ma che c’è in qualche modo un comportamento e una retorica che ricordano quel tempo.

“il guerra fredda L’era classica si basava sull’idea del bipolarismo ed era una rivalità alla pari, tra i precedenti vincitori della seconda guerra mondiale, afferma Beinoff.

“Nella situazione attuale, è una competizione tra i vincitori della Guerra Fredda e coloro che l’hanno persa. La Russia è in una posizione molto inferiore. Ma vuole essere trattata come una superpotenza, come lo era allora (.. .)”, ha aggiunto.

Per Buynov, “l’obiettivo di Putin non è invadere e ingoiare l’Ucraina”, ma chiarire che siamo arrivati ​​fino a questo punto con l’espansione della NATO in Russia e garantire la sicurezza del paese.

Gli Stati Uniti e l’Europa sono in allerta per schierare al confine con l’Ucraina 70-94mila soldati russi, pronti, secondo l’Occidente, ad attaccare.

READ  Guterres chiede l'attuazione dell'accordo di pace in Colombia

“Sta cercando (di dettare le regole), ma le sue ambizioni non sono le stesse delle ambizioni globali sovietiche. Guarda, quando gli Stati Uniti erano l’unica superpotenza e l’Occidente l’unico polo globale, dice, puoi permetterti tutto, tranne quelli Troppo’ fuori dai nostri limiti, dice.

“Le sue parole sono simili a quanto accaduto durante la Guerra Fredda, ma, almeno per il momento… le ambizioni sono limitate a una piccola parte dell’ex territorio russo e a una piccola sfera di influenza della Russia”, ha detto.

Perché lo stesso Putin ha permesso alla Turchia, membro di OTAN E una forza autosufficiente, entra nel Caucaso, cosa che non è mai stata possibile durante gli anni ’90, e devi solo vedere la presenza della Cina in Asia centrale, sostiene.

Le sfide del leader russo sono spesso percepite dall’Occidente come offensive, ma per lui sono “contrattacco, mosse difensive” di fronte a questo rapporto tra impari.

Nel profondo, dietro la sfida del capo del Cremlino all’Occidente, ci sono ragioni e motivi storici che hanno a che fare con l’eredità di Putin, crede.

Nel 2024, quando potrà candidarsi alla rielezione grazie alla riforma costituzionale del 2020, il presidente russo sarà al potere per un quarto di secolo sapendo di dover “rafforzare qualcosa”.

“Ha risolto il problema ceceno con la forza, tra l’altro (…) Poi è arrivata la Crimea (l’annessione della penisola ucraina nel 2014) e ora abbiamo un altro conflitto irrisolto nel Donbass”, dove per sette anni Mosca ha sostenuto pro -Separatisti russi, osserva.

“Si tratta di questo e di come il Cremlino vede la storia moderna della Russia”, aggiunge Beinov.

READ  Il presidente somalo revoca i poteri del primo ministro

“La Russia è stata eliminata come superpotenza nel sistema mondiale all’inizio degli anni ’90, e riportarla in tale veste guarirebbe gli shock e le ferite”, afferma.

Il tempo stringe, e così Putin ha messo sul tavolo richieste che prima non aveva sollevato, linee rosse difficili da soddisfare per gli Stati Uniti e l’Europa.

Sullo sfondo, dietro la sfida del capo del Cremlino all’Occidente, ci sono ragioni storiche e ragioni legate all’eredità di Putin, crede.

Vuole strappare all’Occidente la promessa che l’Ucraina non entrerà nella NATO e non diffonderà armi nei paesi vicini.

Putin sa che è impossibile accogliere le sue richieste, ma nelle trattative si parte sempre dalla posizione del massimo.

Buynov chiede: “È meglio rischiare e combattere una guerra in Europa che non puoi affrontare o fare alcune concessioni, date alcune delle preoccupazioni della Russia?”

Le opzioni principali sono armare l’esercito ucraino e minacciare sanzioni.

“Le sanzioni stanno funzionando, ma è qualcosa con cui la Russia può convivere. Lo ha fatto dal 2014”, quando la Crimea è stata annessa, dice.

Gli Stati Uniti stanno già preparando un pacchetto di sanzioni in caso di attacco russo all’Ucraina, che include la sospensione del controverso gasdotto Nord Stream 2, che trasporterà il gas russo direttamente in Germania.

Il Cremlino ha sfruttato a proprio vantaggio la dipendenza energetica dell’Europa quando vuole, e in un momento in cui le riserve di gas del Vecchio Continente sono ai minimi storici ei prezzi sono molto alti, sta approfittando di questa situazione.

“Ha senso (…) ricordare che c’è un altro gasdotto. Dice: lascia che sia e avranno più gas e sarà più economico”.

READ  Gli studenti cubani hanno un atteggiamento positivo nei confronti della diversità

________________________

Collaborazione con la nostra attività:

un team 14 supporti È impegnato a fare un giornalismo serio che rifletta le vere profondità di Cuba. Grazie per esserti unito a noi in questa lunga strada. Vi invitiamo a continuare il nostro supporto, ma questa volta Diventa un membro della nostra rivista. Insieme, possiamo continuare a cambiare la stampa a Cuba.