Gennaio 28, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Qatar 2022: Perché Hansi Flick è rimasto e Luis Enrique se n’è andato | Sport | Dott..

La notizia ha scosso il mondo del calcio tedesco nella tarda serata di mercoledì. Hansi Flick, convocato lo stesso giorno d’urgenza dalla Federcalcio tedesca, è rimasto alla guida della squadra “con tutto il supporto” dei capi della nazionale tedesca. Flick aveva assistito al passaggio della ghigliottina a distanza molto ravvicinata, dopo la sfortunata eliminazione della Germania in Qatar e l’allontanamento del suo alleato chiave ai piani alti della federazione: Oliver Bierhoff, presidente del comitato di selezione. Ma la questione è ufficiale da mercoledì: il tecnico tedesco resterà in panchina nella nazionale tedesca almeno fino al 2024.

D’altra parte, nel calcio spagnolo non c’era pietà. Luis Enrique, il celebre allenatore che ha guidato il suo Paese agli ottavi di finale, è stato esonerato da presidente della nazionale iberica con una decisione interrotta solo dall’attenta selezione del suo sostituto.

La Germania guarda in casa la Coppa dei Campioni

Se la Germania viene eliminata nella fase a gironi e gli errori di Flick nella gestione del Mondiale sono così evidenti (sostituzioni sbagliate o tardive, gioco offensivo ma inefficace o assenze come Mats Hummels in squadra, per citarne alcuni), qual è la decisione? tenerlo giustificato?

La prima circostanza che ha mantenuto l’ex allenatore del Bayern Monaco come allenatore della Germania era urgente. La Germania ospita Euro 2024, a cui mancano solo 18 mesi a causa del calendario rivisto della Coppa del Mondo. Coinvolgere un altro allenatore nel percorso verso quel torneo significa partire da zero, con idee tattiche diverse e magari anche con altri giocatori. I tempi sembrano poco per compiere un’operazione del genere, come inteso in Germania.

READ  Il lettore di tarocchi cileno parla di "magia" e "mano nera" nella vittoria dell'Ecuador sul Cile, per la sua eliminazione | calcio | Gli sport

Il secondo fattore è la disponibilità di Flick ad ammettere i suoi errori ai Mondiali. Il Medio Oriente e abbandono dell’Africa L’allenatore contro i sindacati deve essere stato così forte da portare all’approvazione. Alla fine, Hansi Flick è riuscito a tenere testa perché aveva ancora molta fiducia nella sua capacità di spingere in avanti la squadra tedesca, nonostante il fiasco in Qatar.

Questo non vuol dire che Flick possa stare tranquillo. C’è una componente politica nella ratifica. Non essendoci un team manager, la responsabilità di quanto accade a Euro 2024 ricadrà, davanti al pubblico, su Hansi Flick e nessun altro. Il tifo di oggi potrebbe essere una freccia avvelenata se la Germania dovesse fallire per il quarto torneo consecutivo e davanti ai propri tifosi. In questo caso, la caduta di Flick sarebbe inevitabile finché le federazioni manterrebbero la faccia.

Luis Enrique tra sistema e risultato

Perché la Spagna ha espulso Luis Enrique? In primo luogo perché l’obiettivo iniziale del torneo, quello di arrivare primi nella fase a gironi, non era stato nemmeno raggiunto. Poi perché la prestazione della nazionale spagnola non è mai finita in modo convincente nonostante la prima botta contro il Costa Rica. Era chiaro che la sconfitta contro il Marocco negli ottavi di finale ha determinato il destino del dinamico allenatore.

Vengono valutati anche altri fattori esterni di scelta. La gestione di Luis Enrique è stata polarizzata fin dall’inizio a causa del suo passato da giocatore e allenatore dell’FC Barcelona. E non è servito che il “Maestro” non abbia convocato nessun giocatore del Real Madrid per la trasferta in Qatar. Luis Enrique si è anche messo nel mirino prendendo iniziative come l’avvio di una serie globale in streaming, una strategia interessante dal punto di vista della comunicazione, ma che ha fatto arrabbiare i critici di Asturian.

READ  LaLiga Santander live streaming: statistiche dal Round 24

Ciò che ha tenuto lontano Luis Enrique dalla squadra spagnola è soprattutto quella che molti chiamano la “filosofia del gioco”. L’allenatore ha convinto la gente del posto e gli estranei che era disposto a scommettere solo sulla sua proposta basata sul possesso palla. Luis Enrique si è congratulato con i suoi giocatori, non tanto per aver dato risultati sul campo, ma per l’obbedienza al sistema di gioco da lui indicato. Questa fissazione, e forse testardaggine, era la migliore garanzia che nulla sarebbe cambiato con lui al timone. Di fronte a un tale orizzonte, la decisione spagnola non è stata così rapida e incisiva per il futuro.