Maggio 30, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Qual è stato l’ultimo progetto Apple su cui ha lavorato Steve Jobs?

Qual è stato l’ultimo progetto Apple su cui ha lavorato Steve Jobs?

L’imprenditore voleva che l’azienda iniziasse a produrre televisori con un sistema semplice nel 2011

per allora Steve Jobs Ha lasciato la sua posizione di CEO di manzana Nel 2011, l’azienda disponeva già di computer iPhone, iPod, iPad, Mac e MacBook come parte del suo ecosistema di prodotti, oltre a una piattaforma Cammello, dove puoi trasformare qualsiasi TV in una smart TV. Tuttavia, Jobs non ha smesso di lavorare e anche prima della sua morte era immerso in un ultimo progetto un’azienda.

Anche se dal 2007 i dispositivi hanno iniziato a essere venduti Cammellocome un modo per rivoluzionare l’esperienza televisiva attraverso un sistema un’aziendaL’obiettivo di Jobs per il 2011 era che la sua azienda realizzasse un televisore dotato di funzionalità premium e di alta qualità, proprio come il resto del mondo. prodotti.

e nemmeno Cammello Da allora è venuto a fare colpo su Jobs. Sebbene all’epoca l’imprenditore la considerasse una soluzione praticabile, continuò a lavorare su questo progetto diversi anni dopo.

Potrebbe interessarti: la risposta esilarante di Steve Jobs a un fan che gli ha chiesto un autografo

Secondo il biografo di Jobs, Walter Isaacsonche ha incontrato l’uomo d’affari settimane prima della sua morte, “voleva fare per la televisione la stessa cosa che aveva fatto con lui ComputerLettori musicali e telefoni cellulari: mantienilo semplice ed elegante”, ha sottolineato.

La prima Apple TV introdotta nel 2007. (Macstories)

Isaacson notò che Jobs stava lavorando a un’interfaccia hardware che poteva essere sviluppata da manzana L’ha definita “l’interfaccia utente più semplice che puoi immaginare”. Il concetto utilizzato dall’ex leader di Apple si basava sull’adattamento dei servizi la televisione con il tecnologia che erano già disponibili in azienda.

READ  Ikea ha tra le sue novità un organizer da cucina che massimizza lo spazio per meno di 15 euro

“Voglio creare una TV che sia molto facile da usare. Si sincronizzerà con tutti i nostri dispositivi e con iCloud“, Jobs ha confermato in una conversazione con Isaacson. “Gli utenti non avranno a che fare con i controlli DVD e i canali via cavo”, ha detto.

Potrebbe interessarti: qual è la lezione più importante che Steve Jobs ha insegnato a Tim Cook?

Sebbene Jobs non abbia fornito dettagli specifici sull’hardware o sul software che sarebbero stati utilizzati, né ha rivelato un progetto provvisorio per una TV di marca. manzanale informazioni fornite dal biografo indicano che l’obiettivo era quello di combinare il televisore con una console e collegare entrambi i dispositivi ad essa iCloud.

Lo scopo era impedire a questi elementi di fare affidamento sui servizi comp fili O fornitori di servizi di terze parti e rendi iCloud il supporto centrale per una proposta manzana.

L’obiettivo di Steve Jobs era utilizzare iCloud come supporto principale per il suo servizio televisivo. (Immagine: iCloud/Apple)

Tuttavia, da quando Jobs è morto nel 2011, non ci sono stati molti progressi riguardo a questo potenziale nuovo prodotto. Tim Cook Dai la priorità ad altri progetti come orologio Appleche è stato messo in vendita nel 2015.

Potrebbe interessarti: Apple ha acquistato questa idea da Steve Jobs per $ 500 milioni

Dopo 12 anni di attesa, è improbabile che ciò accada manzana Stai cercando di produrre televisori, soprattutto se stai lanciando occhiali da sole come progetto a breve termine Realtà mista Per l’azienda, che avrà un proprio sistema operativo, oltre a Applicazioni Specializzato in Realtà Aumentata e Realtà Virtuale.

Inoltre, negli ultimi anni Apple ha avviato un processo di “indipendenza” in cui cerca di ridurre la dipendenza dai fornitori producendo i propri componenti. La TV richiederà all’azienda di ricorrere a tecnologia da altri.

READ  Un nuovo radiotelescopio in Antartide promette di fare progressi nello studio dei buchi neri