Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questa è stata l’evoluzione dei browser Internet

Dal 1994 al 2022 sono passati circa 28 decenni, e in quel lasso di tempo, circa sette browser web hanno viaggiato nel mondo elettronico: Mosaico ha iniziato a guidare, Chrome è finito, e oggi è il re dei browser.

Il primo browser Internet ufficiale, Mosaic, ha fatto il suo debutto all’inizio degli anni ’90, quando è diventato il browser Web più popolare. All’epoca, secondo Visual Capitalist, circa il 97% di tutte le ricerche su Internet veniva condotto attraverso questo popolare portale online.

La creazione intellettuale e fisica di Mosaic, che è stato il primo browser web a visualizzare le immagini direttamente su una pagina incorporata nel testo, va a un team di studenti universitari dell’Università dell’Illinois, guidati dal 21enne Marc Andreessen. Quando Andreessen si è laureato, ha co-fondato la Mosaic Communications Corporation, che è diventata Netscape Communications Corporation, la società che ha poi creato Netscape Navigator.

Ciò che non si sapeva era che Netscape Navigator sarebbe finito per competere direttamente con Mosaic Browser poiché fu un successo quasi immediato e di conseguenza la quota di mercato di Mosaic iniziò a diminuire. Alla fine degli anni ’90, Netscape ha conquistato l’89% del mercato dei browser web.

Ma dopo la tregua del mercato e il monopolio degli utenti, è apparso un altro player che è salito al trono: Internet Explorer, uno dei browser più diffusi sul web. È successo quando Microsoft ha lanciato Internet Explorer nel 1995 come parte di un pacchetto aggiuntivo per il suo sistema operativo, Microsoft Windows 95.

A poco a poco, a causa della popolarità del franchise di Windows in quel momento, Internet Explorer fu rapidamente adottato. Con questa mossa, all’inizio degli anni 2000, ha conquistato oltre il 90% del mercato, riflettendo il dominio di Microsoft nel mercato dei PC.

READ  Google Play non ti consentirà di installare sul tuo telefonino applicazioni che non siano state aggiornate per più di due anni

Con una quota di mercato compresa tra il 76,6% e il 18,4%, Internet Explorer ha sovraperformato Netscape.

Tuttavia, i membri fondatori di Netscape sono riemersi con Mozilla, il motore di ricerca nato nel 1998 come progetto per promuovere l’innovazione nel mercato dei browser web. Hanno condiviso il codice sorgente di Netscape con il pubblico e, nel tempo, hanno costruito una comunità di programmatori in tutto il mondo che hanno contribuito a rendere il prodotto ancora migliore, secondo Visual Capitalist.

Per assicurarsi la propria posizione nel mercato ed evitare la concorrenza, Mozilla ha rilasciato Firefox nel 2004 e nel 2006 il browser open source gratuito ha conquistato quasi il 30% del mercato.

Firefox e Internet Explorer hanno combattuto ancora per qualche anno, ma a metà degli anni 2010 Google Chrome ha iniziato a superare entrambi i browser e oggi è il re dei browser Internet che deve ancora vedere una nuova concorrenza.

Ma qual è la storia di successo dietro Chrome. Tutto è iniziato con i fondatori di Google, Larry Page e Sergey Brin, per proporre l’idea di avviare un browser web di Google al CEO Larry Schmidt nel 2003. Quest’ultimo era preoccupato di non poter tenere il passo con l’agguerrita concorrenza, peri , alla fine, secondo Visual Capitalist, ha convinto i fondatori Schmidt e nel 2008 Google Chrome è stato lanciato al pubblico.

Google Chrome è attualmente concentrato sull’80,3% della quota di mercato tra i browser web; È seguito da altri che sono apparsi come Edge al 7,5%. Firefox del 5,3%; Safari del 3,7% e Opera del 2,3%.

E una delle caratteristiche distintive di Chrome era (ed è tuttora) il fatto che ogni scheda funziona separatamente. Ciò significa che se una delle schede è bloccata, le altre non si bloccheranno né si arresteranno in modo anomalo, a costo di un aumento della memoria e dell’utilizzo della CPU.

READ  La Russia lancia nello spazio un satellite militare