sabato, Luglio 20, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Questa protostella potrebbe rivelare il segreto della formazione dei pianeti

Anche se può essere difficile da credere, i pianeti non sono sempre esistiti e questa protostella potrebbe essere la chiave per comprenderne la formazione.

Il pianeta Terra esiste da molto tempo quando su di esso si è formata la vita. MaCiò che esisteva prima dell’esistenza del nostro pianeta – e di altri pianeti – rimane nella parte sconosciuta dell’universo. Ora, un modello di stella potrebbe essere la chiave per comprendere cosa accadde prima che i pianeti si formassero e come ciò portò alle stelle che conosciamo oggi.

Quello che sappiamo finora

Viaggiare nel tempo è impossibile, o quasi. I telescopi possono rappresentare un’eccezione perché, sebbene non possano viaggiare indietro nel tempo, possono osservarlo grazie al tempo impiegato dalla luce per raggiungerli. Più un oggetto è lontano, più approfondiamo il suo passato.

Tuttavia, è impossibile utilizzare un telescopio per osservare la formazione dei pianeti nel nostro sistema Dobbiamo tenere conto di regioni simili se vogliamo sapere come si sono formate le stelle che orbitano attorno al nostro Sole. IL DJ Tao è la stella iniziale È relativamente piccola, tanto da diventare una vera stella quando i gas che la circondano si condensano. La sua vicinanza potrebbe essere la chiave di lettura Come vengono creati i pianeti nell’universo?

Consigliamo: Il telescopio spaziale James Webb rileva segni di vita su un pianeta extrasolare

Come inizia la formazione dei pianeti?

Nel nord del Cile, nel deserto di Atacama L’Atacama Large Millimeter/Submillimeter Array, uno dei telescopi più potenti in circolazione. Grazie a questo manufatto, lo scienziato giapponese Satoshi Ohashi e il suo team sono riusciti a concentrarsi su DJ Tao. Hanno conosciuto A Disco protoplanetarioUn ammasso di gas e polvere in orbita attorno ad una giovane stella. Questa regione di solito si forma in una fase precedente all’inizio della formazione del pianeta.

“Finora ALMA è riuscita a catturare un’ampia gamma di strutture del disco e a rivelare la presenza di pianeti. D’altra parte, per rispondere alla domanda: “Come inizia la formazione dei pianeti?”, è importante osservare un disco liscio e senza segni di formazione planetaria. Il professor Satoshi Ohashi ha commentato questo risultato dicendo: “Crediamo che questo studio sia molto importante perché rivela le condizioni iniziali per la formazione planetaria”.

Continuare a leggere:

Mercurio, il pianeta più piccolo del sistema solare, si sta restringendo

I ricercatori rivelano il motivo della misteriosa luminosità delle prime galassie dell’universo

“Pianeti” senza stelle scoperti dal telescopio spaziale James Webb

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles