Gennaio 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Queste barche sono molto grandi, ma Barcellona ha spazio per ospitarle

In esclusiva per Infobae da New York Times.

BARCELLONA, SPAGNA – Il Solaris di 140 metri e otto piani, salpato per la prima volta meno di un anno fa, è uno dei nuovissimi yacht di lusso che ora sono dimore galleggianti sul mare. Ovviamente ha un eliporto, una piscina e tutti gli altri servizi high-tech richiesti dal suo miliardario proprietario russo, Roman Abrahamevich.

Ma una recente mattina a Barcellona, ​​​​la nave da crociera Solaris da 600 milioni di dollari è emersa dall’acqua, bloccata in un bacino di carenaggio, mentre i lavoratori lavoravano sotto il suo scafo grigio chiaro. Stavano fissando stabilizzatori a forma di pinna, che aiutano a bilanciare l’enorme barca in mare mosso ma si ritraggono quando non c’è rigonfiamento. All’altra estremità del cantiere navale, un altro gigante, Sea Rhapsody, stava ricevendo una revisione finale prima che pesasse pesantemente.

Man mano che i ricchi sono diventati più ricchi durante la pandemia, le loro barche sono diventate più grandi e più costose e quando questi yacht di lusso non portano i loro proprietari in luoghi di vacanza privati ​​nei Caraibi e nel Mediterraneo, hanno bisogno di un posto dove attraccare per le riparazioni.

Qui vedete Barcellona, ​​i cui giorni come cantiere navale commerciale sono sbiaditi anni fa, è un’opportunità economica.

Barcellona è diventata un porto turistico per queste barche di lusso, grazie al fatto che combina un ormeggio privato che quest’anno investirà 20 milioni di euro (22,7 milioni di dollari) per diventare il più grande porto dedicato agli yacht di lusso del Mediterraneo, con strutture di manutenzione in grado di sollevare la statua fuori dall’acqua e poi convocare un piccolo esercito per ripararla.

READ  Questo è lo spazio innovativo per le esperienze Samsung Chile

Non fa male offrire ai membri dell’equipaggio di Barcellona un po’ di tempo libero in una delle più grandi destinazioni turistiche del Mediterraneo.

Attirare i proprietari di yacht miliardari è solo una piccola parte degli sforzi di Barcellona per sfruttare la “blue economy” del mare, ha affermato il vicesindaco Jaume Colponi. L’Autorità Portuale di Barcellona ha recentemente approvato la costruzione di un nuovo terminal crociere, la cui apertura è prevista per il 2024. La città sta anche lavorando per modernizzare un’area portuale sviluppata per i Giochi Olimpici del 1992, che ha ospitato Barcellona.

La pandemia è stata un duro colpo per una città che normalmente riceve milioni di visitatori. Ha mostrato che “la diversificazione è diventata molto importante”, ha detto Colboney. “Quando il turismo ha raggiunto lo zero, alcune parti della città sono state duramente colpite e abbiamo dovuto cercare altri lavori, oltre a una forza lavoro meno qualificata”.

Allo stesso tempo, la diffusione del Corona virus ha fornito ai miliardari di tutto il mondo la scusa perfetta per allontanarsi dai meno ricchi, per i quali gli yacht di lusso si sono rivelati molto vantaggiosi.

In tutto il mondo, ci sono circa 5.700 yacht da 30 metri e quella flotta crescerà del 15% da qui al 2025, secondo le previsioni del settore. Al culmine di questo mercato ci sono circa 370 mega yacht di oltre 60 metri di altezza, il cui numero è aumentato di quasi il 70 per cento nell’ultimo decennio e dovrebbe raggiungere i 500 in circa sette anni. I cantieri stentano a tenere il passo. Il portafoglio ordini del superyacht è pieno fino al 2025.

READ  L'Oregon rende obbligatorio l'uso delle mascherine all'aperto

MB92, l’azienda che gestisce le strutture di manutenzione degli yacht di lusso a Barcellona, ​​conosciute come Restoration Yards, ha 180 dipendenti, ma gran parte del lavoro è svolto da circa 1.000 subappaltatori i cui lavori coprono una varietà di discipline, come la pittura, carpenteria e • isolamento termico. Ci sono circa 40 officine sparse per il cantiere e durante l’alta stagione delle riparazioni, in primavera e in autunno, possono operare circa 25 yacht contemporaneamente.

L’attività di manutenzione degli yacht è aumentata. MB92, che possiede anche un cantiere navale più piccolo a La Ciotat, in Francia, ha generato un fatturato di 191 milioni di euro (circa 215 milioni di dollari) nel 2021, rispetto ai 150 milioni di euro del 2019.

Mentre uno yacht di lusso è di per sé una chiara dimostrazione di ricchezza, i proprietari sperano che i loro dipendenti non rivelino nulla di ciò che hanno o di dove si trovano. Alla domanda sulla destinazione di Sea Rhapsody una volta che ha lasciato il cantiere navale, Henk Dreijer, direttore commerciale di MB92, è stato titubante e ha accennato che la sua destinazione erano “i Caraibi, ma potrebbero anche essere le Seychelles o da qualche altra parte”.

“Lavoriamo per persone a cui piace stare molto attenti”, ha aggiunto.

A Barcellona, ​​​​che è gestita da un governo municipale di sinistra, non tutti accolgono con favore l’arrivo dei miliardari e dei loro yacht, le cui sezioni dei porti turistici sono spesso recintate dal resto della costa urbana.

“Portiamo i ricchi del mondo, ma loro non spendono i loro soldi nei nostri quartieri, hanno yacht che battono le bandiere dei paradisi fiscali e assumono equipaggi che non sono di Barcellona”, ha detto Gala Pin, un legislatore municipale di Barcellona . Barcellona fino al 2019.

READ  WhatsApp | Come avere due account sul tuo iPhone | Applicazioni | mela | Smartphone | trucco | Tutorial | nda | nnni | GIOCO SPORTIVO

“Abbiamo anche consentito a società private e altamente opache di sfruttare i terreni pubblici e di delimitare l’accesso a un’area portuale di cui dovrebbero beneficiare tutti i cittadini di Barcellona”, ha aggiunto.