Maggio 18, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo è il numero milionario che costerebbe prendere a calci Bobby Kotik dopo aver acquistato Activision

Indipendentemente da tutto ciò che Bobby Kotik porterà in tasca dopo aver acquistato Microsoft Activision-Blizzard come il più grande investitore della società, 371 milioni di dollari (3.908.698 azioni a $ 95 per azione), se Microsoft decidesse finalmente di licenziare l’attuale CEO dopo aver concluso l’accordo nell’estate del 2023, Kotick riceverà una grossa ricompensa per il suo licenziamento. Circa altri 300 milioni di dollari.

Non è noto se la clausola sia ancora in vigore oggi, ma se tale evento si è verificato nel 2020, l’accordo della società con il manager prevede che a causa sua lasci l’azienda Durante il periodo di 12 mesi successivo al cambio di controllerKotick avrebbe ricevuto un compenso totale di $ 293 milioni (tramite VGC). La cosa più sorprendente di questa clausola è che non importa se è per una giusta causa o meno, “Senza ragione o per una buona ragione”.

Al momento, le parti hanno deciso di non determinare quale sarà il futuro di Kotick dopo aver concluso il contratto di acquisto nell’estate del prossimo anno, è stato solo confermato che Il controverso direttore resterà al suo posto fino al termine dell’operazione poi, Activision-Blizzard risponderà a Phil Spencer come CEO di Microsoft Gaming. Analisti di vari media come Rivista di Wall Street Suggeriscono, infatti, che Bobby Kotick lascerà l’azienda una volta entrato a far parte di Microsoft, ma questo non è ancora ufficiale.

Bobby Kotick voleva comprare i media per cambiare opinione su Activision Blizzard, secondo il Wall Street Journal.

In tal caso, nei prossimi mesi, l’operazione dovrebbe aver luogo Studi e scartoffie infiniti Che possono anche annullare l’accordo se le leggi antitrust lo riterranno La potenziale esclusività di Call of Duty su Xbox potrebbe essere considerata una pratica anticoncorrenziale.

READ  Vivo introduce il chip V1 Imaging, un provider di servizi Internet di propria progettazione