Aprile 16, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo è il nuovo sistema operativo di Google per vecchi Mac e PC

Google vuole spostare Chrome OS oltre l’attuale proposta con una nuova versione che promette di dare nuova vita a vecchi PC e Mac.

Questo è Chrome OS Flex, un sistema operativo che può essere eseguito su computer con risorse limitate. Un’iniziativa pensata per scuole e imprese.

Chrome OS Flex, il sistema operativo di Google per i vecchi computer

Non troveremo sorprese nell’interfaccia e nella funzionalità di Chrome OS Flex, poiché ha lo stesso stile e gli stessi strumenti di Chrome OS. E, naturalmente, avremo alcuni servizi Google nell’ambito di questa proposta, come Chrome o Google Assistant.

E da non dimenticare uno dei suoi grandi vantaggi è che la maggior parte delle sue funzioni e dinamiche può essere gestita dal cloud, come mostrato nella sua presentazione:

Prova Chrome OS per PC e Mac, cloud-first, veloce, facile da gestire e sicuro. Chrome OS Flex è un modo gratuito e sostenibile per aggiornare i dispositivi che già possiedi.

Altre caratteristiche evidenziate dal team di Google sono che può funzionare senza problemi anche su vecchi PC e Mac, con avvio rapido e nessun problema di prestazioni. Ovviamente, purché soddisfi i requisiti minimi per Chrome OS Flex, che sono 4 GB di RAM, 16 GB di spazio di archiviazione e un processore Intel o AMD x86 a 64 bit.

A seconda delle risorse del tuo team, potrebbero avere più o meno funzionalità, ma saranno completamente funzionali con requisiti minimi. Quello che gli utenti che scelgono questa versione non troveranno è la possibilità di installare applicazioni Android, non avranno un file Play Store.

Chrome OS Flex è gratuito e coloro che vogliono provare questo nuovo sistema operativo (con accesso anticipato) devono solo andare questo link E segui i passaggi dettagliati dal team di Google.

READ  Cosa si sa sulla tempesta solare che potrebbe colpire la Terra giovedì 21 luglio (e le sue conseguenze)