Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Questo è l’hamburger più caldo di Madrid: è in rosa


    Devi avere le idee molto chiare per andare controcorrente… e non seguirlo. Ma quando funziona per te, il successo è assicurato. Lo sanno bene i fratelli venezuelani Juan e Andres Casanova (Caracas, 1978). Imprenditori con molti successi alle spalle (sono creatori Salse piccanti, le hai fatte saltare in aria in Amazzonia, e i fondatori di Mygo, alcuni “Batimoto” tra i primi arrivati ​​a Madrid e poi ceduti, tra gli altri, a una società americana, avevano da tempo puntato sulla creazione di qualcosa legato al settore dell’ospitalità (Juan, infatti, formatosi a Le Cordon Bleu a Parigi). E nel bel mezzo della stagione degli hamburger buongustaio modalità mega con non quanti Pavimenti e diversi tipi di salse e componenti costosi Hanno deciso di andare dall’altra parte: fare il miglior hamburger che può essere fatto nel modo più semplice possibile. Qualità superiore e super semplicità. Così Pink’s (Infantas, 40, Madrid) è nato a marzo, e serve solo un tipo di hamburger. Uno ha colpito nel segno.

    Vi presentiamo l’hamburger pertinente.

    FERNANDO ROI – CUORE

    Hamburger rosa di Madrid

    Presentazione dei fratelli Casanova, Juan e Andres.

    FERNANDO ROI – CUORE

    Ispirazione degli Stati Uniti

    Era una delle nostre ispirazioni classiche Cena Americano, ma no Cena Dalle luci al neon dei film, ma il solito posto dove tutti quelli che ti servono da mangiare ti conoscono, c’è un’affinità. Volevamo restare nel quartiere ed è per questo che ci è piaciuta questa zona, con Plaza del Rey da un lato e Pedro Zerolo dall’altro, posti molto accoglienti dove mangiare hamburger. Abbiamo adorato il concetto di New York o Los Angeles, dove si mangia in un parco. È tutto molto casual”, dice Andres. Questo perché Pink non ha tavoli (e no, al momento, Collegamento(Anche se, ovviamente, puoi portare l’hamburger a casa). L’edificio misura appena 25 metri quadrati, con spazio per un bancone del servizio clienti, una cucina open space, un bagno e una piccola dispensa sul retro.

    Allora cos’è il successo?

    “È comprensibile, a priori, per via del posto e del semplice hamburger, lo si può sottovalutare. La gente arriva e dice: ‘Va bene?’ Non ha tartufo, non ha niente di speciale… e quando lo mangiano…”, continua Andres.

    Ebbene, quando lo mangi capisci il successo, perché è davvero buono con una semplicità brutale: il pane (viene dagli Stati Uniti), il manzo magro, il formaggio, le cipolle, i sottaceti, il ketchup e la senape. Un inno alla semplicità, ma, come aggiunge Andres, “ti riporta all’infanzia”.

    Hamburger rosa Madrid

    Un hamburger rosa è uno ‘smashburger’, ovvero una palla di carne che viene schiacciata direttamente su una piastra. Senza olio. La carne si caramella e si attacca, poi bisogna raschiarla. Questa è una grande parte del segreto.

    FERNANDO ROI – CUORE

    “Il punto non era mai competere con nessuno, non per presunzione, ma perché eravamo così chiari su ciò che volevamo”, dice Andres. Una settimana dopo l’apertura, tutti i tipi di influencer e gestori di altri stabilimenti di hamburger. E tutto a bocca aperta, perché non facevano pubblicità. Anche se sì, c’era un concetto che involontariamente (o volontariamente, chissà) ha dato loro un’attenzione in più: servono solo 100 hamburger per turno (200 al giorno, quindi). Quando scade il cent, si chiude. Non ce n’è più. In alcune foto sui social network, puoi vedere le code organizzate alla tua porta. Nessuno vuole farne a meno.

    “La questione di limitare il numero di hamburger a 100 non è mai stata un piano di mercato. Era più una questione di organizzazione. Non volevamo che il cliente vedesse qualcuno che taglia le cipolle nel mezzo del servizio… quindi abbiamo creato uno stile aziendale come un sottomarino. Siamo aperti quattro ore: nella prima mezz’ora si preparano tutti gli ingredienti, nelle tre successive si serve e nell’ultima mezz’ora si raccoglie e si pulisce. Andres spiega che se si esaurisce prima, si spegne. Naturalmente, questo è successo più di una volta.

    Hamburger rosa di Madrid

    Questo “segno” decora l’edificio, ma non è solo un segno. È un endoscopio passivo, il dispositivo utilizzato per visualizzare i raggi X. È stato acquistato da Wallapop ed è diventato un’icona del rosa. Ci sarà anche nel nuovo edificio, anche se sarà prodotto da loro.

    FERNANDO ROI – CUORE

    Cosa accadrà

    E ovviamente con il successo arriva il passo successivo, l’espansione. Hanno in programma di aprire 30 negozi a Madrid nei prossimi 12 mesi. Non ci sono vantaggi, ce l’hanno tutti. Il primo, a settembre, sarà in Calle Ponzano, a Trafalgar (vicino a Plaza de Olavide), in Plaza de San Miguel e Aravaca. Anche se lo spirito originale rimarrà, ci saranno alcune novità. A San Miguel, ad esempio, un limite di 100 unità per turno è impossibile “per l’enorme volume di persone che transitano in quel luogo”. E ci sarà anche una sorpresa in alcuni dei nuovi posti: un nuovo hamburger sarà fuori menu, “qualcosa di speciale”, dice Andres, “non puoi ordinarlo se non conosci già il posto, perché non lo farà essere annunciato”. Staremo all’erta, promesso.

    Questo contenuto è creato e gestito da una terza parte e viene importato in questa pagina per aiutare gli utenti a fornire il proprio indirizzo e-mail. Potresti essere in grado di trovare maggiori informazioni su questo e contenuti simili su piano.io

READ  tutto per entrare nel mercato del commercio elettronico » MuyCanal