Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Radio Havana Cuba | Haiti: condannare le dichiarazioni razziste dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump

Edmund tascabile

PORT-AU-PRINCE, 9 ottobre (RHC) Haiti ha condannato oggi le dichiarazioni “razziste infondate” fatte dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha affermato senza prove che gli immigrati haitiani erano portatori di HIV/AIDS.

“Questi spregevoli commenti hanno solo lo scopo di seminare odio e discordia contro gli immigrati”, ha detto l’ambasciatore della nazione caraibica a Washington Puckett Edmund in una dichiarazione a nome del suo governo.

La dichiarazione incoraggia i “popoli civilizzati”, i media e le organizzazioni per i diritti umani a non rimanere indifferenti al trattamento degradante di Trump nei confronti del popolo haitiano e ha osservato che Haiti è il secondo paese indipendente dell’emisfero occidentale e un alleato degli Stati Uniti.

Oggi molti haitiani e i loro discendenti, come la famiglia Trump, sono emigrati negli Stati Uniti d’America, contribuendo alla prosperità e alla difesa del popolo americano. Il diplomatico ha affermato che queste relazioni storiche e umane non possono essere contaminate da commenti così odiosi.

Parlando con Fox News, l’ex presidente ha confermato che Haiti ha un enorme problema con l’AIDS. “Paesi sporchi”, ha detto Trump, che ha descritto il paese caraibico e altri nel 2018 come “paesi sporchi”.

Secondo i dati della Banca Mondiale, la prevalenza della malattia ad Haiti non supera il 2%, mentre il Ministero della Salute ha indicato che attualmente le persone contagiate sono circa 160.000 e l’obiettivo è ridurre la trasmissione entro il 2030.

Le dichiarazioni di Trump sono apparse a margine della crisi migratoria che ha spinto migliaia di immigrati al confine meridionale degli Stati Uniti, per cercare asilo in quel Paese.

Finora Washington ha espulso più di 7.500 haitiani, nonostante le critiche di organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite. (Fonte: Stampa Latina)

READ  La Bolivia ribadisce che non accetterà un patto di silenzio sul golpe