Settembre 17, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Radio Havana Cuba | Il presidente siriano incontra Putin a Mosca e accusa l’Occidente di ostacolare il processo di pace nel suo Paese

I presidenti di Siria e Russia si sono incontrati a Mosca

DAMASCO, 14 settembre (RHC) Il presidente siriano Bashar al-Assad ha accusato alcune potenze occidentali di ostacolare i negoziati di pace tra il governo e il settore dell’opposizione per fornire una soluzione pacifica al conflitto nella nazione araba.

Durante un incontro nella capitale russa con il suo omologo Vladimir Putin, il presidente siriano ha dichiarato: “(…) vorrei sottolineare il fatto che i nostri processi politici sono sospesi da quasi tre anni”.

Bashar al-Assad ha indicato che alcuni paesi occidentali stanno ostacolando in modo distruttivo incontri e dialoghi per attuare processi politici nel paese, senza menzionare un paese specifico.

Il presidente siriano ha condannato l’imposizione da parte di alcuni Paesi, tra cui gli Stati Uniti, di sanzioni e misure coercitive nei confronti del popolo siriano, “che possono essere classificate come antiumane” e “illegali”.

Il presidente russo Vladimir Putin vede il problema principale in Siria nella presenza “in alcune aree del Paese” di forze straniere che non hanno il mandato appropriato delle Nazioni Unite o di Damasco.

Secondo Putin, questa situazione viola chiaramente il diritto internazionale “e non consente al governo siriano di integrarsi e progredire verso la ricostruzione del Paese al ritmo che sarebbe possibile se l’intera regione fosse sotto il controllo del presidente Bashar al-Assad”.

Putin ha elogiato gli sforzi di Bashar al-Assad per migliorare il dialogo con i suoi avversari politici, osservando che “solo l’unificazione di tutte le forze in Siria consentirà al Paese di sollevarsi, iniziare il suo sviluppo graduale e andare avanti”.

Il presidente russo ha sottolineato che Bashar al-Assad controlla il 90% del territorio siriano e che insieme alle forze russe è riuscito a sferrare un duro colpo ai terroristi.

READ  Il presidente dell'Uruguay partecipa al vertice CELAC con l'OAS per criticare

“Purtroppo ci sono ancora sacche di resistenza da parte di terroristi che non solo controllano parte del territorio, ma continuano a terrorizzare la popolazione civile”, ha aggiunto il presidente russo.

(telefono)