Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Radio L’Avana Cuba | Il legislatore repubblicano adotta l’idea di vietare le armi negli Stati Uniti

Foto: 24 Notizie.

WASHINGTON, 3 giugno (RHC) Il rappresentante repubblicano Chris Jacobs ha preso le distanze dal rifiuto del suo partito di sostenere le misure contro l’uso delle armi da fuoco negli Stati Uniti.

Jacobs, il cui distretto comprende la periferia di Buffalo, si è ritirato dalla campagna per la rielezione dopo che il suo sostegno al divieto federale di armi d’assalto ha suscitato una reazione da parte del gruppo che rappresenta al Congresso.

Dopo le micidiali sparatorie di massa a Buffalo e Ovaldi, in Texas, il rappresentante Jacobs di New York, un membro del Congresso che sta scontando il suo primo mandato completo alla Camera dei Rappresentanti, ha scioccato i colleghi repubblicani adottando un divieto federale sulle armi d’assalto e restrizioni sui caricatori ad alta capacità, il Lo ha riferito il New York Times.

“Non posso sedermi in buona coscienza e dire che non ho cercato di fare qualcosa”, ha detto una settimana fa il politico del suo quartiere di Buffalo prima di ritirarsi dalla campagna per la rielezione.

Abbiamo un problema nel nostro Paese per quanto riguarda i due maggiori partiti. “Se ti allontani dalla mia posizione partigiana, ti distruggeranno”, ha detto. “Nel caso dei repubblicani, la scorsa settimana è stato molto chiaro per me che questo problema riguarda il controllo delle armi. Qualsiasi controllo sulle armi”, ha aggiunto.

Il politico ha avvertito i colleghi che la sua “posizione assoluta” sulle armi avrebbe danneggiato il partito a lungo termine e ha esortato i parlamentari di alto livello ad aggravare la situazione.

“Senti, se non dovessi prendere posizione su una cosa del genere, non so cosa ne penseresti”, ha aggiunto, riferendosi alla sofferenza delle famiglie a Buffalo, Ovaldi e altrove.

READ  Cuba rinnova il suo impegno per il Trattato di Tlatelolco 'il mondo' di Granma

Le dimissioni quasi obbligatorie di Jacobs dalla sua rielezione, secondo The Times, servono come un’elegante sintesi di quanto poca aberrazione nella politica sulle armi i funzionari e gli attivisti del GOP siano disposti a tollerare dai legislatori, nonostante l’ampio sostegno dei politici. .

La decisione di Jacobs di opporsi al suo partito sul controllo delle armi ha suscitato un’immediata reazione pungente: i gruppi locali per i diritti delle armi hanno pubblicato il suo numero di cellulare online e membri del partito locale e leader statali hanno iniziato a ritirare il loro sostegno, uno per uno, ha osservato il Times.

Il contraccolpo contro di essa è stato virale tra i repubblicani, ma non tra gli indipendenti, i democratici e i sostenitori del controllo delle armi che hanno denunciato gli attacchi al membro del Congresso per la sua posizione, dicendo che mostrano l’intolleranza dell’approccio intransigente dei repubblicani ai diritti delle donne. braccia.

“È molto deludente che il membro del Congresso Jacobs sia stato licenziato dagli estremisti del suo partito per aver semplicemente detto basta”, ha detto Shannon Watts, fondatrice del gruppo di controllo degli armamenti Moms Demand Action. (Linea: stampa latina).