Luglio 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapporto sui Pandora Papers per il dibattito all’Assemblea Nazionale dell’Ecuador

Quito, 2 dicembre – L’Assemblea nazionale dell’Ecuador esamina giovedì il rapporto preparato dalla sua commissione per le garanzie costituzionali, i diritti umani, i diritti collettivi e il multiculturalismo sull’indagine sui Pandora Papers e sui rapporti del presidente di quel paese, Guillermo Laso, con le imprese in tasse paradisi.

Alla seduta convocata dal Presidente della Legislatura, Guadalupe Laurie, e prima che fosse raggiunto il quorum di 102 su 137 legislatori, il Segretario Generale dell’Assemblea Alvaro Salazar ha presentato i risultati dell’indagine che era stata condotta sulla questione. .

Il documento assicura che Lasso ha violato la norma che vieta a candidati e funzionari di possedere beni o capitali nei paradisi fiscali.

Tra gli altri elementi, l’indagine ha scoperto che Banisi Holding e Banisi, con sede a Panama, sono nel sistema dell’Internal Revenue Service (SRI) dell’Ecuador come parte del gruppo economico Banco de Guayaquil, di cui Guillermo Lasso è l’azionista di maggioranza. .

Le due società non applicano il controllo fiscale ecuadoriano e associano il presidente ecuadoriano alle relazioni estere come azionista di maggioranza.

Il documento afferma che tutte le società del gruppo Banco de Guayaquil, anche quelle nei paradisi fiscali, sono sotto il controllo diretto dei loro maggiori azionisti. Ricorda anche che Lasso era il presidente di questa banca e attualmente possiede il 40 per cento delle sue azioni.

Il rapporto aggiunge che, secondo i verbali delle assemblee generali degli azionisti, negli ultimi dieci anni non ci sono stati cambiamenti nella struttura contributiva del gruppo.

Secondo il comitato, ciò dimostra che le decisioni in merito ai paradisi fiscali sono state prese nell’ultimo decennio e direttamente dai suoi amministratori e dai principali azionisti, tra cui Guillermo Lasso.

READ  Il COPLAC si congratula con il nuovo periodo costituzionale presieduto dal Pdte. Ortega

Durante la presentazione di questi e altri, Salazar si è lamentato del fatto che il presidente non abbia partecipato alle chiamate del panel per chiarire le questioni sull’argomento.

Ritiene che la questione acquisisca maggiore importanza data l’attuale situazione economica nazionale e internazionale e la necessità per tutti i funzionari pubblici di attenersi all’etica e alla trasparenza.

Secondo la stampa, la commissione aveva precedentemente raccomandato che i risultati della sua indagine fossero messi a disposizione della Procura generale, dell’Ufficio di controllo, dello SRI e dell’Autorità di vigilanza bancaria, affinché agissero secondo i loro poteri.

Ha anche suggerito che l’assemblea generale verifichi se Lasso ha violato il codice etico approvato nella consultazione pubblica del 2017 sui paradisi fiscali, nonché la sua comparsa in Parlamento.

Secondo l’indagine di Pandora Papers, Lasso aveva più di una dozzina di società in paradisi fiscali, principalmente a Panama e negli Stati Uniti. Il presidente ha ammesso di essersi sbarazzato di alcuni di loro nel 2017 e ha negato di avere rapporti con gli altri. (Telesur) (Foto: PL / Tratto da Telesur)




Commenti



L’indirizzo email non verrà pubblicato *