Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

RD Ambassador in Italia mette in luce il significato storico della mostra “Presenza italiana a Santo Domingo”.

EL NUEVO DIARIO, GENOVA, ITALIA.- Nelson Garela, Ambasciatore della Repubblica Dominicana a Genova, Italia, ha sottolineato l’importanza della mostra questo lunedì sulla “Presenza italiana a Santo Domingo, dalla metà del 1800 ai giorni nostri”. Il Galata Museo del Mரைre è stato creato nel centro storico della città.

Secondo un rapporto, Karela ha sottolineato che l’evento, che mira a rafforzare la caratteristica amicizia e cooperazione tra i due Paesi, è una delle storie centrali dei cittadini italiani che hanno avuto un ruolo chiave nella Repubblica Dominicana. Deriva dalla raccolta ‘L’eredità Italiano nella Repubblica Dominicana’.

“Storia, Economia, Architettura e Società”, a cura di Andrea Canepa, già Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Dominicana e a cura di Umberto Alemondi.

Mostra “Presenza italiana a Santo Domingo” (fonte esterna)

Garela ha sostenuto che il contributo della cultura italiana alla Repubblica Dominicana è stato ampio e ha coperto un’ampia gamma di settori culturali, economici, alimentari, turistici, sociali e di immigrazione. Città di Genova.

“Il contributo totale dell’Italia e del suo popolo ai domenicani è incommensurabile. Questo è il nostro secondo Paese di origine. Per questo siamo chiamati a un maggiore impegno e responsabilità e a lottare sempre di più per l’uguaglianza e l’equità. A beneficio del nostro popolo “, ha detto l’ambasciatore.

Alla cerimonia di inaugurazione della mostra ha partecipato, oltre al Console Nelson Karela, Laria Cao, Assessore alla Cultura della Regione Liguria; Barbara Grosso, Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Genova; Pierpaolo Campodonico, Consigliere e Legale Rappresentante Mu.MA; Nicoleta Viziano, presidente del Mu.MA, tra gli altri funzionari locali italiani.

READ  L'Uruguay utilizzerà Pfizer terziario per chi è già vaccinato contro il coronavirus corona