Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Real Madrid contro Real Betis – Resoconto della partita – 3 settembre 2022

Il Real Madrid non ha perso nessuna sconfitta in quattro partite contro il Real Betis, che ha venduto la sconfitta al Bernabeu faccia a faccia.

Il legame brasiliano tra Vinicius Junior e Rodrygo Goes ha risolto un bellissimo duello nella calda premiere del Santiago Bernabeu, quando ha preso il comando da solista del Real Madrid dopo aver battuto 2-1 il Betis con molta personalità, che ha subito un infortunio al pensiero.

La richiesta più grande è stata l’uscita del campione al Santiago Bernabéu che acquisisce la sua vera identità. Le due squadre che hanno vinto tutto con un’identità precisa. Quelli che hanno portato il Real Madrid al titolo l’anno scorso; Il resto che Pellegrini ha lasciato al Real Betis con la propria identità in ogni fase. Voleva prendere la palla nella sua chiusura iniziale e concedere un’inaspettata doppietta diritta.

Spicca il pugno mostrato in avvio di stagione dalla squadra di Carlo Ancelotti. Capace di colpire alla prima occasione nonostante il disagio in campo. Semplice come vedere la lunga pergamena di Alaba e la velocità demoniaca di Vinicius. La palla rimbalza quando il portiere è out. La definizione di qualità per il grande riferimento ai tempi in cui la brillantezza di Benzema era minore.

Nella stessa procedura in cui il Betis ha concesso un colpo che nessuno vedeva arrivare, il pensiero ha lasciato il campo con la faccia di pochi amici. E pochi minuti fa aveva chiesto un calcio di rigore a Carvajal, ed è caduto dentro l’area di Madrid in una procedura che ha danneggiato di più lui e la sua squadra, perdendo un giocatore che fa la differenza. Tuttavia, ha vinto la passività difensiva dei madridisti. Da rimessa laterale, senza Borja che morde Iglesias nel controllo dorsale o Canales con il suo tiro comodo che sorprende Courtois. Quattro giornate e quattro gol.

READ  Taylor Fritz sconfigge l'ATP Masters 1000 a Indian Wells contro Rafael Nadal | Tour ATP

In una partita attraente, con due squadre vincenti, si è dato un bellissimo scambio di colpi. Sono passati i secondi da quando ha ricevuto il gol, quando il Real Madrid ha mostrato la sua mentalità. Rodrygo, che ha creato più squilibrio sulla sinistra, ha regalato il secondo gol a Vinny, che aveva tutto per segnare, perdendo precisione quando si è sparato per la palla e lo ha mandato oltre la traversa.

È tempo di mostrare la diversità offensiva del Real Madrid che genera pericolo ad alta velocità. Aggiunge come nuovo fattore sbilenco nell’incontro aereo per Chuamini, che ha trovato nel guanto di Modric il miglior partner in un calcio d’angolo con un duro colpo di testa e ha trovato la slitta scorrevole di Rui Silva nella partita.

Il pericolo ad ogni arrivo lasciava le squadre dubitare della debolezza difensiva di entrambe o di mostrare negli ultimi metri la massima qualità, inarrestabile. C’erano pochi dei due in un duello in cui Benzema ha impiegato 24 minuti per emergere prima di godersi la sua prima occasione. Con meno impatto sulla partita del Real Madrid di inizio stagione, ma con la capacità di essere decisivo quando si lancia in campo, come con la doppietta all’RCDE Stadium.

Il fattore sbilenco era un accento brasiliano. Vinicius con piena fiducia sulla palla, dorme al ritmo quando vuole o ha solo velocità alla sua portata. Rodrygo è il partner migliore, con la libertà di movimento che lo rende un’opzione migliore come attaccante nei giorni in cui Benzema è seduto. Ha sfruttato al meglio il suo primo inizio.

READ  Camila Capello ha spostato l'anteprima della rinviata finale di Champions League

Nonostante i tentativi chiassosi di Canales, con partenze eleganti, un ballo con la palla con Modric come ospite eccezionale e sempre servendo palloni ai suoi attaccanti, il Betis ha avuto momenti più difficili nella ripresa. Sembrava bramare ogni minuto che passava un pensiero che cercava di contenere le onde di Madrid.

Trovando un soffio di speranza nell’errore di Benzema sulla linea di porta, Courtois prova timidamente un tiro di centrocampo di Juanmi, ma dopo un sinistro di Modric e un tiro tra Rui Silva e la traversa, l’aspetto difensivo di Rodrygo arriva in area di rigore. 9, per decidere la recinzione. Fede Valverde era appena entrato dopo il suo primo cambio, e l’irruzione nello spazio sulla destra è stata preceduta dal suo servizio quando i giocatori si sono presentati con un gol. La rotazione della caviglia di Rodrygo e la mano morbida del portiere portoghese hanno fatto il resto.

Il Betis ha combattuto un’ultima spinta per evitare di vedere la sua buona dinamica troncata e abbattuta al Bernabeu cinque anni dopo, rischiando allo stesso tempo di permettere a Rodrygo e Vinicius di inventare quelle in una nuova mossa che ha respinto il palo. Il pareggio offensivo di quelli di Pellegrini non gli dava di più. Solo un tiro lungo di Guido, Courtois ha tirato forte.