Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recensendo “Glass Onion: Knives Out Mystery”, Benoit Blanc torna con un altro mistero a 5 stelle

Non è facile colpire nel segno due volte con lo stesso concetto, ma Rian Johnson lo fa sembrare facile “Cipolla di vetro … i coltelli dissipano il mistero”Il nuovo e sorprendente abisso Che, come la cipolla indica il suo nome, ha strati e strati di intrighi, intrighi e un buon sviluppo del personaggio.

Il miliardario Miles Bron (Edward Norton) ha convocato la sua ristretta cerchia di amici sulla sua isola privata per un fine settimana. mistero di omicidio della sua invenzione. Soprannominato “The Problems”, questo circolo è composto dall’ex modella problematica Birdie Guy (Kate Hudson) e dalla sua assistente Paige (Jessica Henwick); l’influencer per i diritti maschili Duke Cody (Dave Bautista) e la sua ragazza Whiskey (Madeline Kline); Lionel Toussaint (Leslie Odom Jr.), capo scienziato della Miles Corporation; Claire DiBella (Kathryn Hahn), una governante liberale corrotta; e Andi Brand (Janelle Monáe), ex socio in affari di Miles. Tuttavia, qualcun altro è stato chiamato sull’isola, non su invito di Miles: il famoso detective Benoit Blanc (Daniel Craig). Come mai?

La magia di “Onion Glass” è che Johnson gioca con un concetto abisso Per creare un imprevedibile edificio di mistero. Non siamo nemmeno a metà del film quando Johnson capovolge tutto e cambia vittima; Riorganizza sottilmente i pezzi del puzzle per raccontare una nuova storia in cui le intenzioni e le motivazioni dei personaggi differiscono. E fa tutto questo senza far girare la testa allo spettatore, con una sceneggiatura intelligente, umoristica e sofisticata, anche se mai del tutto scontata, che ti prende per mano per non perderti mai in mezzo a tanti colpi di scena. Alla fine, quando arriviamo alla soluzione, neanche il regista (e lo sceneggiatore) prende la via più facile, ma poi sorprendentemente sbaglia di nuovo.

READ  Festival di San Sebastian 2022: recensione "Runner" di Marianne Mathias (concorso)

E al centro della narrazione c’è un’opportuna critica sociale del privilegio. “Knives Out” si è concentrato, tra le altre cose, sull’importanza degli immigrati negli Stati Uniti, e “Glass Onion” continua il lavoro sociale di Johnson, che satira in vari modi l’ipocrisia moderna della classe alta e critica lo squilibrio. del potere nella società. Influencer, politici, celebrità, geni o miliardari “tecnici”, non importa da dove provengano i soldi, tutte queste persone privilegiate sono bugiarde e non esiteranno a mettere da parte la moralità per proteggere il loro collo e i loro soldi. Adorarli è assurdo.

L’ufficio tecnico supporta pienamente lo script. I costumi stravaganti di Jenny Egan, la fotografia di Steve Yedlin e le scenografie di Rick Heinrichs non solo attirano l’attenzione, ma esaltano anche il carattere di ogni capo ed evidenziano la banalità della ricchezza che li circonda.

Ancora una volta, Daniel Craig è fantastico nei panni di Benoit Blanc: usa il suo fascino per sedurre e mascherare la sua intelligenza, è divertente e un po’ cartoonesco. E il resto del cast non è molto indietro, quasi tutti si distinguono in un modo o nell’altro. Vulnerabile ed esplosiva, Janelle Monae (“The Glorias”) è il cuore del film; Kate Hudson (“Mona Lisa and the Bloody Moon”) è un’effervescente narcisista. Leslie Odom Jr. (“Una notte a Miami”) affronta la colpa del suo personaggio con grande abilità; Kathryn Hahn (“WandaVision”) incarna il desiderio di potere della sua colorata modella Claire; Dave Bautista (“L’esercito dei morti”) è eccellente come uomo immaturo i cui muscoli contrastano con le sue insicurezze; ed Edoardo Norton (“La spedizione francese”) arrogante come un ricco stronzo la cui unica virtù è saper manipolare gli altri affinché gli siano fedeli. Persino Noah Segan, fedele collaboratore di Johnson, lo ha suddiviso in un ruolo piccolo ma burbero con un perfetto tempo sullo schermo.

READ  Justwatch, l'app per ordinare tutto ciò che guardi su HBO Max, Netflix, Prime Video e altro

È una testimonianza della brillante scrittura di Rian Johnson che 140 minuti non sembrano mai troppo lunghi, al contrario, “Onion Glass” scorre come l’acqua, affascinandoti per ogni secondo del filmato, e lo fa senza mai aver bisogno di te. Ripeti i lati del precedente. lui è abisso Originale e profondamente soddisfacente, intrattiene dall’inizio alla fine dalla giustapposizione organica dei suoi elementi narrativi, recitativi e tecnici.

“Glass Onion: A Knives Out Mystery” è ora disponibile su Netflix.